Studiare cuori eccezionali per trovare nuove regole

Parte una ricerca italiana che cercherà di capire meglio l’infarto partendo da chi non ce l’ha mai avuto nonostante diversi fattori di rischio

Il signor X, un paziente romano, ha fatto arrabbiare i medici: le sue coronarie sono pericolosamente ostruite, il lume delle piccole arterie del cuore è ridotto appunto a un lumicino e quindi il rischio di infarto è molto alto. Ma lui non vuole che si intervenga. C’è un piccolo particolare però: il signor X è in questa situazione da circa vent’anni, ora ne ha 84, e i suoi ventricoli continuano a funzionare benissimo. Il signor X fa arrabbiare i medici anche perchè dà un cattivo esempio, dal momento che la grande maggioranza di quelli nelle sue condizioni sarebbero stati colpiti da infarto entro un breve lasso di tempo. Ma il suo caso, presentato dal cardiologo Filippo Crea, del Policlinico Gemelli di Roma, al recente 28° congresso di cardiologia organizzato a Firenze dalla fondazione Centro per la lotta contro l’infarto, è di quelli che devono far riflettere.

Leggi tutto

Annunci
Categorie News & Curiosità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close