Cerca

Andrea Silenzi, MD, MPH

Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.

QUOTA A E NEO-ABILITATI: LA RISPOSTA DELL’ENPAM E PROSPETTIVE PREVIDENZIALI DALLA PRIMA ADUNANZA 2016 DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE

PROSPETTIVE PREVIDENZIALI PER I GIOVANI MEDICI E SPECIALIZZANDI DALLA PRIMA ADUNANZA 2016 DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE

Care Colleghe, cari Colleghi,

pubblichiamo la nota di risposta della Presidenza ENPAM alla nostra missiva dello scorso 22 aprile con la quale abbiamo richiesto chiarimenti circa il versamento immediato dei contributi della Quota A del fondo di previdenza generale da parte dei medici neo-abilitati, situazione in controtendenza con quanto accaduto finora.

Ecco un estratto dalle parole della risposta avuta dalla Presidenza ENPAM (allegato):

“In passato la riscossione era gestita da Equitalia con il risultato che spesso i bollettini arrivavano in ritardo, perché i dati dei neoiscritti all’Albo dovevano essere comunicati tra le diverse strutture e cioè gli Ordini, l’ENPAM e poi Equitalia.  Questo creava difficoltà ai giovani colleghi che si trovavano a dover pagare in una volta sola due annualità. Per di più si è generata la conclusione erronea che i contributi non dovessero mai essere versati il primo anno. Da quest’anno è la Fondazione ENPAM a gestire…

View original post 691 altre parole

A Primer on Project Management for Health Care

By Kathryn Berger

Project management has emerged as one of the most prominent business skills of our time because its use can help control costs, reduce risk, and improve outcomes. Used across disciplines, project management is the process of systematically planning, organizing, and then executing a pre-determined set of steps in order to maximize resource use and achieve specific objectives. According to a U.S. News and World report, project management is one of the top skill sets sought by employers.

Why? The Project Management Institute (PMI), an organization created in 1969 to promote the discipline of project management, credits the process with helping businesses save time and money, improve ROI, and reduce risk. It also cites many benefits to staff members including improved collaboration and decreased stress.

https://ecpe.sph.harvard.edu/newsstory.cfm?story=project-management-for-healthcare&utm_source=SubscriberMail&utm_medium=email&utm_campaign=HSI16%2DEM02&utm_term=&utm_content=24fff3a92ec4470e89e6eb6f30de375e

  • By: Matthew Billingsley, George Gillett

The outcome of the junior doctor contract negotiations could have a major impact on current medical students’ pay and working conditions. Below is a timeline of the major flashpoints, and an overview of the changes being proposed.

October 2013—Talks begin between NHS Employers and the BMA

NHS Employers, acting on behalf of the government, and the BMA, the trade union for doctors in the United Kingdom, start discussing the terms of the new contract, with a view to implementing it by April 2015.

October 2014—BMA walks away from the negotiation table

After a year of negotiations the BMA pulls out of talks citing concerns about patient safety, doctors’ welfare, and a lack of evidence underpinning the changes. Kitty Mohan, co-chair of the junior doctors’ committee at the time said the contract proposals lack a “fundamental grasp” of the way in which NHS staff work and that doctors are “upset and frustrated” with how their work was not being “valued, noticed and recognised.”

November 2014—DDRB steps in

After the breakdown of talks, the government commissioned the Review Body on Doctors’ and Dentists’ Remuneration (DDRB) to review the contract proposals.

July 2015—DDRB report published

The DDRB report says that the current contract is no longer fit for purpose and is hindering the achievement of the NHS’s goals to improve patient care and outcomes, and is unaffordable in the current financial climate. The report includes several recommendations that upset junior doctors (box 1). NHS Employers in England agreed that the DDRB report should be the basis for finalising new contractual arrangements. NHS Northern Ireland, Scotland, and Wales all rejected the new contract and have decided not to enforce it.

August 2015—Junior doctors vote against re-entering contract negotiations

The BMA’s junior doctor committee rejects further negotiations with NHS Employers, citing the proposals in the DDRB report as “unacceptable.”

August 2015—Jeremy Hunt threatens to impose the contract

Jeremy Hunt, secretary of state for health in England, threatens to impose the new contract if an agreement cannot be reached between the government and the BMA by early September 2015. The chair of the BMA, Mark Porter, accuses Jeremy Hunt of making a “wholesale attack” on doctors.

This month also saw the hashtag #imatworkjeremy take off in reaction to Hunt’s speech at the King’s Fund, where he said the new contract was necessary in order to deliver a seven day NHS. Many healthcare staff took exception and proceeded to post photos on Twitter of themselves on working at weekends.

September and October 2015—Protests in the streets

Tens of thousands of junior doctors and supporters protest in several UK cities against the changes proposed in the new contract.

October 2015—Pay rise offer rejected

Just before the BMA was due to ballot its members for strike action, Jeremy Hunt offered junior doctors an 11% rise in their basic pay. The BMA dismissed this as effectively a pay cut because junior doctors’ overtime hours are still being reduced, which can make up as much as 40% of their income. The Department of Health also refused to enter conciliatory talks with the BMA, mediated by ACAS, an organisation that resolves employment disputes.

19th November 2015—98% of junior doctors vote to strike

The BMA represents 37 155 of junior doctors in England and 98% of them voted in favour of taking strike action in protest against changes to their contract. The BMA announced the dates of one day of industrial action and two days of strikes in advance so that junior doctors and their employers could make arrangements to cover the withdrawal of their services. The knock on effect was that some operations and procedures were cancelled.

30th November 2015—Strikes suspended

On the eve of the first day of industrial action, the BMA agreed to suspend the strikes until the 13 January and negotiate with the government, after Jeremy Hunt agreed to pause the imposition of the new contract. Despite the strike action being called off, 4000 operations were cancelled and the BMA and Jeremy Hunt both accused each other of stalling on talks that could have averted this inconvenience for patients.

13th January 2016—Deadline to agree new contract

The BMA and the government have until mid January to come to an agreement on a new contract. It is unclear at the time of going to press what concessions each side would be willing to make to resolve the dispute. If an agreement cannot be met, then the BMA may set new dates for industrial action.

More: http://student.bmj.com/student/view-article.html?id=sbmj.h6669&utm_source=MarketingEmail&utm_medium=email&utm_campaign=SBMJ_5mins_January_Worldwide&utm_content=read+full+article&utm_term=

Società scientifiche in Italia: tante e poco trasparenti

Il numero delle società scientifiche ostetrico-ginecologiche è molto elevato in Italia, specie nell’ambito della ginecologia, con una trasparenza quasi inesistente sulle questioni finanziarie e i conflitti di interesse. Lo sostiene Paolo Vercellini del Dipartimento di scienze cliniche e di comunità dell’Università degli Studi di Milano, primo autore di uno studio pubblicato su Bmj Open. «Gli scopi principali delle società mediche sono di diffondere la ricerca scientifica nei rispettivi campi della medicina, promuovere l’educazione medica e sviluppare linee guida cliniche» scrivono gli autori, sottolineando che le più autorevoli svolgono anche un importante ruolo sociale nel consigliare i decisori politici sui programmi di assistenza sanitaria pubblica. Tuttavia, un progressivo squilibrio è stato osservato nel tempo tra i finanziamenti derivati da fondi governativi di ricerca o da fondazioni non profit e quelli provenienti dall’industria, cosa che può generare un conflitto di interesse. Inoltre, la frammentazione e le sotto-specializzazioni possono esporre le società mediche a una maggiore vulnerabilità finanziaria che, ipoteticamente, potrebbe tradursi in un aumento del rischio di influenze indebite delle industrie farmaceutiche, biotecnologiche e dei dispositivi.
«La proliferazione delle organizzazioni professionali in Italia sembra particolarmente intensa nel settore ginecologico, probabilmente per la moltitudine di questioni riguardanti la salute delle donne» affermano gli autori, che hanno contato le società ostetriche e ginecologiche italiane, accertandone la trasparenza finanziaria mediante un sondaggio nazionale su internet. E i dati indicano che il loro numero è quadruplicato negli ultimi 35 anni al ritmo di una in più all’anno. «In 15 casi la sede societaria è negli uffici di un organizzatore professionale di congressi, mentre in 12 casi il sito web della società scientifica ospita pubblicità o link a prodotti dell’industria. Lo statuto risulta accessibile in 32 siti di associazioni professionali su 47, mentre nessuna informazione è disponibile sui finanziamenti esterni e su eventuali conflitti di interesse. «La trasparenza e l’informazione non eliminano i conflitti di interesse, ma possono consentire ai medici e al pubblico di contestualizzare le informazioni scientifiche diffuse in vari modi dalle organizzazioni mediche, mettendole nella giusta prospettiva» concludono i ricercatori.


Bmj Open. 2016. doi: 10.1136/bmjopen-2015-008370

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26769777

Tratto da: http://www.doctor33.it/societa-scientifiche-ginecologiche-in-italia-tante-e-poco-trasparenti/ginecologia/ctn–33801.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=facebook

 

10 defining moments that shaped global health in 2015

When you look back on 2015, what will you remember? A new baby in your family? The death of someone you loved? An exhausting move across the country or even the continent?

You’re not alone. Worldwide, there was a birth every 8 seconds in 2015, and a death every 11 seconds. And millions of people–many of whom may be a lot like you–left their homes in search of safer places to live, where they’d find fewer explosions and executions and other everyday horrors that accompany war.

 

Twenty-fifteen has been busy, exciting, frustrating, heartbreaking, and inspiring in turns for those of us who work in global health and development. We’ve seen much needless death this year. But there have been instants of hard-won progress and hope, too.

Here are 10 of the moments that lit (or littered) our path to greater health and well-being in 2015:

Maternal deaths fall 44% from 1990. The Millennium Development Goals deadline arrived this year, revealing (among many other results) that maternal deaths around the world have dropped from about 532,000 in 1990 to 303,000 in 2015. Not all countries made progress in ending preventable maternal and child deaths, and even in countries that met their targets, health and gender inequities still exist. But this is progress worth celebrating.

Ebola recedes (then resurfaces, then recedes again). In Guinea, Liberia, and Sierra Leone, residents have rejoiced as Ebola infections slowly ebbed in 2015, though Liberia was experiencing new cases as recently as November 22. The World Health Organization estimates that Ebola has killed 11,300 people since March 2014, including over 500 health workers. Recovery efforts are focusing in part on rebuilding stronger, more resilient health systems in hopes of preventing future epidemics.

MERS follows on Ebola’s heels. Another dangerous outbreak–this time MERS in South Korea–infected hundreds of people, shut down hospitals and schools, and upped the wattage of the spotlight already shining (thanks to Ebola) on the global risks of fragile health systems. The WHO held an emergency meeting to address the outbreak. And through the new Global Health Security Agenda, the US is working with partners around the world to prevent future epidemics, detect biological threats early, and rapidly respond to disease outbreaks.

Pope Francis inches forward the conversation on family planning. While he certainly doesn’t condone contraception, his comments and actions–promoting responsible parenthood and empowering priests to absolve the sin of abortion–have made headlines this year. As the global health community prepares for the biggest-ever International Conference on Family Planning in 2016, these topics are on a lot of our minds.

US announces Africa needs additional one million health workers to address HIV. Global AIDS Ambassador Dr. Deborah Birx made the announcement at a Capitol Hill briefing in March organized by the Frontline Health Workers Coalition, IntraHealth International, and the Elizabeth Glaser Pediatric AIDS Foundation. No disease requires more health workers than HIV, the briefing revealed. And it’s a good investment–training health workers in HIV care, Birx said, prepares them to manage many other diseases as well.

Gun violence in the US escalates to an average of more than one mass shooting per day. And that statistic only accounts for shootings where four or more people are wounded. There are 3.5 firearm homicides per 100,000 people in the US, according to the US Centers for Disease Control and Prevention. But this isn’t the only country where gun violence is a public health emergency: El Salvador, Venezuela, and Colombia have some of the highest rates of firearm homicides in the world. The global health community lost at least two invaluable members to gun violence in 2015: Anita Ashok Datar in Mali and Raluca Iosif in North Carolina.

A million refugees come ashore in Europe. If you’ve turned on the news in the last six months, you’ve heard about the refugees fleeing war and ISIS at home and seeking refuge in Europe. You may not have heard, though, of those fleeing Libya, South Sudan, Central African Republic, or other countries in the midst of other wars. Or that millions are left without access to health care. In fact, many of those who are threatened by or fleeing violence are doctors and other health workers. And when they’re forced to abandon their homes, it only further depletes the health systems in the countries they leave behind.

UN International Labor Organization finds that over half of the world’s rural population will go without health care in 2015. Even though the world’s population is rapidly becoming more urban, nearly half of us still live in rural areas. An ILO report found that 56% of the world’s rural population and 83% of Africa’s rural population live without critical health care access. This amounts to a deficit of approximately 7 million health workers in rural areas.

More: http://m.huffpost.com/us/entry/8869142?utm_content=buffer3ec7f&utm_medium=social&utm_source=twitter.com&utm_campaign=buffer

Lingua e medicina: 10 questioni

Per nessun sapere come per la medicina la parola è tanto importante.
Lo scrive Luca Serianni, storico della lingua della Sapienza di Roma, in una sua importante pubblicazione sul linguaggio medico (Un treno di sintomi, Milano, Garzanti, 2005).
È da affermazioni come queste che si evince la matrice profondamente umanista del sapere medico, che intrattiene con la lingua un rapporto da sempre strettissimo. Sono infatti vincolati all’espressione linguistica la relazione di cura, la nomenclatura tecnica sia classificatoria che descrittiva, i neologismi medici e il loro migrare nel vocabolario comune (studi recenti hanno mostrato come la terminologia medica sia il linguaggio settoriale che maggiormente ricorre nella lingua standard, quella di tutti), la divulgazione scientifica, il rapporto così frequente tra medicina e letteratura (si pensi al linguaggio medico usato da Dante nella Commedia: tico «tisico», idropesì, omor «umore»; ma ancor prima da Joacopone da Todi nella sua straordinaria O Segnor per cortesia che in dieci quartine espone una rassegna di patologie che rappresentano un documento importantissimo per il sapere medico medievale), i medici letterati e i romanzieri che scrivono di medicina, le patologie psichiche che hanno un sintomo primario nel linguaggio.

Ed è la lingua a segnare in medicina ogni cambiamento di paradigma, dalla scienza medica di Guglielmo da Saliceto, che si distingue non soltanto per le novità lessicali ma anche per le strategie stilistiche che mutano in relazione alla materia trattata, alla rivoluzione di Vesalio, che nel De humani corporis fabrica, pubblicato a Basilea nel 1543, opera un radicale rinnovamento della terminologia anatomica, sino agli anglismi che caratterizzano la medicina d’oggi.

Passando dalla medicina alla clinica, per quanto concerne il rapporto strettissimo tra patologia e lingua, la psicopatologia del linguaggio è oggi un ambito di ricerca problematico, e questo a partire dai termini implicati: “psicopatologia”, che viene usato ormai internazionalmente per indicare oggetti, settori e pratiche diverse e inassimilabili; “linguaggio”, che appare come un concetto diffratto, astrattizzante e declinabile. A meno di attuare una operazione di rimozione rispetto alla problematicità della definizione univoca degli stessi termini che dovrebbero – quantomeno – tratteggiare il perimetro di un sapere, le ricerche sulle lingue patologiche pongono a priori alcune questioni euristiche. Ne cito soltanto alcune:

1) quale punto di vista adottare rispetto al concetto stesso di lingua patologica? Considerarla una grammatica ‘a parte’, la cui devianza va misurata attraverso il confronto/riscontro con gruppi di controllo normotipici o, fenomenologicamente, una forma d’espressione la cui organizzazione va decriptata e compresa al netto dei termini di paragone?

2) quale uso fare delle diagnosi? decidere in buona sostanza di ignorarle e derivare classi diagnostiche ‘seconde’ e trasversali dal sintomo linguistico? usarle come indicatori forfettari o invece come classificazioni in toto fededegne rispetto all’espressione linguistica?;

3) considerare il rischio che alcune terapie farmacologiche incidano sull’espressione linguistica invalidando o relativizzando i risultati delle ricerche o ignorare la questione?;

4) da dove e come derivare i testi oggetto di studio? preferibilmente da materiali d’archivio o piuttosto da indagini sul campo e, in questo secondo caso, come concretamente procedere, quale setting predisporre per il dialogo, quale il discorso?;

5) nel caso si sottopongano questionari ‘a distanza’, è produttivo che il linguista che si occupa di psicopatologia del linguaggio non conosca i pazienti, – banalmente – non parli con loro?;

6) è plausibile che il linguista che si occupa di psicopatologia del linguaggio, anche lavorando in consorzio con medici, ignori la medicina, almeno nella specificità della patologia che indaga?

7) è vantaggioso che non abbia fatto ‘vita di reparto’ ignorando le condizioni reali da cui i materiali linguistici spesso derivano, le dinamiche gruppali che si innescano durante le lungodegenze, ruoli e autorappresentazioni, pensieri e discorsi, e insomma è produttivo – e in quali termini – che operi sui testi ‘da fuori’, in campo sterile? 8) è corretto considerare i testi patologici come oggetti linguistici che non hanno bisogno di una metodologia specifica e unicizzante che da essi derivi?

9) è corretto applicare ai testi patologici una metodologia elaborata a priori?

10) quali sono gli effettivi vantaggi delle indagini ‘a campione’ rispetto all’analisi del ‘caso’?

Tale elenco di questioni centrali a voler domostrare come il rapporto tra lingua, vita, salute è da sempre centrale, come mostra bene Salimbene nella Cronaca n. 1664: «[Federico II] volle sperimentare quale lingua e idioma avessero i bambini arrivando all’adolescenza senza aver mai potuto parlare con nessuno. E per ciò diede ordine alle balie e alle nutrici di dar latte agli infanti […] e con la proibizione di parlare loro. Voleva infatti conoscere se parlassero lingua ebrea, che fu la prima, oppure greca, o la latina, o l’arabica; o se parlassero sempre la lingua dei loro genitori, da cui erano nati. Ma s’affaticò senza risultato, perché i bambini morivano tutti».
A cura di Raffaella Scarpa-Docente Università di Torino – Presidente Gruppo di Ricerca Remedia (lingua medicina malattia)

Informe Wyden-Grassley: precios que maximizan el beneficio son una barrera para el acceso al tratamiento @LamataF

Fernando Lamata, martes, 8 de diciembre de 2015

Los elevadísimos precios de los nuevos medicamentos impiden el acceso de muchos pacientes a los tratamientos y ponen en cuestión el modelo actual de financiación de la innovación.

Un demoledor Informe del Comité de Finanzas del Senado de los EEUU sobre el precio del tratamiento para la Hepatitis C y su impacto en el sistema sanitario estadounidense, impulsado por los senadores Wyden y Grassley, ejemplifica con crudeza la barrera que el sistema actual de precios supone para el acceso a los medicamentos.

Leemos en la página web del Senado que el Informe revela “una estrategia de fijación de precios y de marketing centrada en maximizar el beneficio de la empresa, con poca preocupación por el acceso o por la capacidad de pago” [del paciente o el sistema de salud].

http://www.finance.senate.gov/newsroom/ranking/release/?id=3f693c73-0fc2-4a4c-ba92-562723ba5255 (accedido 7 diciembre 2015).

La paradoja es que el enorme “poder de negociación” de las empresas frente a los servicios de salud y los pacientes, que les permiten poner estos precios tan altos, se lo dan los propios Gobiernos mediante la concesión de monopolios a través del sistema de patentes y de la exclusividad de datos. Aquí debe estar también, como veremos, la solución del problema.

More: http://fernandolamata.blogspot.com.es/2015/12/informe-wyden-grassley-el-sistema.html

The future of medicine is food

Written by Deena Shanker

Med school has changed. (Tulane University)

 

In between anatomy and biochemistry, medical students in the US are learning how to sauté, simmer and season healthy, homemade meals.

Since 2012, first and second year students at Tulane University School of Medicine in Louisiana have been learning how to cook. Since the program launched, Tulane has built the country’s first med school-affiliated teaching kitchen and become the first medical school to count a chef as a full-time instructor.

Sixteen med schools have now licensed the center’s curriculum, as have two non-medical schools, the Children’s Hospital San Antonio-Sky Lakes Residency Program and the Nursing School at Northwest Arkansas Community College. In fact, about 10% of America’s medical schools are teaching their students how to cook with Tulane’s program, Tim Harlan, who leads Tulane’s Goldring Center for Culinary Medicine, told the James Beard Foundation conference last month. It also offers continuing medical education programs with a certification for culinary medicine, for doctors, physicians assistants, nurse practitioners, pharmacists, and registered dietitians.

The program, developed with culinary school Johnson & Wales, helps doctors give real health advice to their patients, says Harlan, who’s both a chef and a doctor. As he says in the video below: “We’re not talking about nutrition, we’re talking about food.”

“We translate the preponderance of dietary evidence,” which Harlan told Quartz supports the oft-praised Mediterranean diet, “for the American kitchen.” That includes consideration of cost as well as nutritional value—diet-related illnesses like obesity are often linked to low income communities, including the New Orleans community that Tulane’s kitchen also serves. This also works out well for training would-be doctors, says Harlan, who are usually on a stringent budget themselves.

The cooking classes are supplemented with lectures, reading and team-based problem solving as well, and though coursework begins broadly for first and second year students—with an overview of the Mediterranean diet and basic knife handling skills included in the first “module”—Harlan says they are developing about 30 more modules for third and fourth year students. Those will focus on specific ailments like congestive heart failure, HIV and celiac disease.

Fans of the program, including both doctors and chefs, are hoping it will be part of a major shift in the way doctors communicate with their patients about nutrition, especially amid rising rates of obesity and other diet-related illnesses. Currently less than half of American primary care physicians offer their patients specific guidance on diet, physical activity or weight control, a 2011 study found. “The fact that doctors are now learning to cook is like a revolution,” said Sam Kass, a former White House chef and senior nutrition policy advisor, at the James Beard conference.

While it’s still early days for the Tulane program, two separate studies have shown its effectiveness—for both the patients and med students alike. (Both studies included authors from the Goldring Center.) The first, which looked at patients with Type 2 Diabetes, found, for example, that those that who participated in the program saw a major drop in total cholesterol, while those who did not participate saw an increase. The second found that medical students also benefited: They not only thought nutrition advice was important for their patients, but for themselves, too. By the second year, the participating med students were eating significantly more fruits and vegetables than they had previously.

Harlan expects a sea change to take place in the way doctors treat chronic illness—and the way insurance charges for it. At the conference, Kass described a future where doctors write recipes as prescriptions and insurance companies treat food as a reimbursable expense. (There is, of course, a strong economic argument in favor of a prevention-based approach to health.) Harlan predicts that care plans will eventually include menu planning, recipes and maybe even programming to get the ingredients delivered to patients. “Call me up in ten years and let’s see if that’s true

 

“C’è un medico a bordo?” In una review del NEJM tutto quello che può capitare a un medico in aereo

“C’è un medico a bordo?”.

url.png

Se durante un viaggio aereo, un passeggero si sente male, i medici che viaggiano a bordo devono intervenire con misure di primo soccorso e possono chiedere al comandante di procedere ad un atterraggio di emergenza. Questo vademecum pubblicato in una review del NEJM può essere di aiuto.

P.S. Non solo i medici, tutti possono dare un contributo determinante.

Clicca nell’immagine sotto peril video NEJM “Epidemiology of in flight medical emergencies”

watch.jpg

In-Flight Medical Emergencies during Commercial Travel

Il New England Journal of Medicine dedica questa settimana un articolo (leggi qui) molto circostanziato al tema delle emergenze mediche a bordo di un volo commerciale, che secondo un recente studio si verificano su un volo ogni 604. Si tratta, ammettono gli autori, probabilmente di un dato sottostimato, in quanto gli interventi medici non complessi, non vengono comunicati alle torri di controllo e dunque non sono registrati da alcuna statistica.

Il vero problema però non sta tanto nell’attrezzatura disponibile a bordo, quanto nella presenza di qualche addetto ai lavori in grado di utilizzarla, e questo non è affatto scontato. Molte linee aeree, in caso di emergenza e in assenza di un medico, contattano dei servizi medici di emergenza a terra per ricevere istruzioni e la FAA rende obbligatorio che tutto il personale di bordo segua dei corsi di rianimazione cardiopolmonare un anno si e un anno no, e che sia addestrato all’utilizzo del defibrillatore.
C’è poi il problema della responsabilità medico-legale di un atto medico praticato a bordo di un aereo; qui la questione si fa assai spinosa e complessa perché il mondo, su questo punto, non la pensa allo stesso modo. Così, mentre per un australiano o un medico europeo è fatto obbligo di prestare soccorso in caso di emergenza, questa regola non vale per un medico americano, che viaggi a bordo di un aereo stelle e strisce. Un atto medico inoltre instaura una relazione medico-paziente, con tutto ciò che ne consegue in termini di responsabilità, anche quella normata in maniera diversa, nei vari Paesi. E un medico americano, sempre alle prese con assicurazioni ed avvocati, potrebbe non essere così invogliato ad intervenire in situazioni che gli si potrebbero ritorcere contro in termini di compensation.

Ed è forse anche per questo, che nel 1998 il Congresso degli Stati Uniti ha approvato la Aviation Medical Assistance Act (AMAA), che protegge i medici che rispondono all’appello del personale di bordo in caso di emergenza, da questioni di responsabilità legale, incoraggiandoli in questo modo ad intervenire. Nessuna protezione naturalmente in caso di comportamento ‘grossolanamente negligente’, quale quello ad esempio di un medico che presta soccorso in evidente stato di ebbrezza alcolica, per i troppi bicchieri di vino consumati a bordo. E naturalmente l’ombrello protettivo dell’AMAA si apre solo in caso di prestazioni erogate in regime di gratuità totale. Al termine della prestazione, il medico è tenuto inoltre a scrivere un breve rapporto, su modulo fornito dalla compagnia aerea.

In caso di reale e indifferibile emergenza (in genere cardiaca, neurologica o respiratoria), il medico può chiedere al comandante dell’aereo di fare un atterraggio d’emergenza per trasportare il paziente nell’ospedale più vicino. Ma la decisione finale spetta solo al comandante, che deve tenere in considerazione una serie di fattori, dalla disponibilità di carburante, ai costi, alla capacità di atterrare nell’aeroporto più vicino.

La review del New England sulle più frequenti emergenze a bordo.In caso di emergenze mediche a bordo di un aereo, queste sono le istruzioni per l’uso date da una serie di esperti in medicina d’emergenza di alcune università americane (Università di Washington, Università del Maryland, Università della Virginia), autori della review pubblicata sul New England.

Arresto cardiaco: è un’evenienza rara che statisticamente rappresenta solo lo 0,3% di tutte le emergenze, ma che da sola rappresenta l’86% delle cause di decesso in volo. In un’evenienza del genere i problemi cominciano dalla mancanza di spazio dove posizionare adeguatamente il paziente, dalla scarsità di strumenti e di personale in grado di intervenire. Gli unici interventi di qualche possibile utilità sono dunque riconoscere la situazione, esercitare la rianimazione cardiopolmonare con il massaggio cardiaco e utilizzare il defibrillatore. Di fronte ad un paziente rianimato, bisognerebbe quindi dirottare l’aereo verso l’ospedale più vicino. Al contrario, nella sfortuna evenienza che nulla accada dopo 20-30 minuti di tentativi, il medico è autorizzato a desistere dalle manovre rianimatorie. Solo il medico può diagnosticare il decesso a bordo di un aereo.

Sindromi coronariche acute (SCA). Rappresentano l’8% delle emergenze in aereo. Possono manifestarsi con sincope o presincope (37% dei casi), sintomi respiratori (12%), arresto cardiaco (0,3%). In un caso del genere, il medico volontario può essere guidato verso la diagnosi solo dalla storia del paziente e dall’esame obiettivo. Una responsabilità non da poco in questo caso, chiedere al pilota di fare un atterraggio d’emergenza, solo sulla base di sintomi quali dolore toracico, nausea, vomito, sudorazione algida, dispnea. L’unico atto medico che si può praticare di fronte ad una sospetta SCA a bordo di un aereo è somministrare dell’aspirina, a meno che naturalmente il paziente non sia allergico o abbia un’emorragia in atto.

Gli autori dell’articolo sconsigliano invece la somministrazione di nitroglicerina sublinguale che può provocare ipotensione, fino allo shock, nel caso di un infarto STEMI inferiore (non diagnosticabile a bordo di un aereo). Raccomandabile invece prendere un accesso venoso per somministrare una piccola quantità di liquidi, in caso di ipotensione e somministrare ossigeno. Il medico può anche richiedere al pilota di scendere ad una quota più bassa per migliorare l’ossigenazione (le cabine aeree sono pressurizzate all’equivalente di un’altezza di 1.800-2.400 metri, dove la pressione parziale arteriosa di ossigeno si aggira sui 60 mmHg, mentre a livello del mare è di 75-100 mmHg), anche se questo porterà a consumare più carburante.
Seppure non si opti per un atterraggio di emergenza, di fronte ad un sospetto di SCA è opportuno che all’atterraggio il paziente venga immediatamente prelevato da un’ambulanza e trasportato al pronto soccorso più vicino.

Ictus. Si può presentare in molti modi, rappresenta il 2% di tutte le emergenze in volo e va sempre sospettato di fronte all’improvvisa comparsa di sintomi neurologici. Sebbene non sia facile effettuare un esame obiettivo neurologico completo nelle ristrettezza dei sedili o del corridoio di un aereo, andrebbe comunque ricercata la presenza di deficit neurologici focali.
Anche in questo caso, non c’è molto che si possa fare in volo, se non somministrare un po’ d’ossigeno. No all’aspirina in questo caso, finché non sia possibile appurare la natura, ischemica o emorragica, dell’ictus. E questo ovviamente è possibile solo con una TAC.
Quello che invece va sempre fatto è controllare la glicemia da sangue capillare, perché una grave crisi ipoglicemica può presentarsi con i sintomi di un ictus. Qualora il kit di emergenza dell’aereo non preveda un glucometro, si può sempre chiedere se qualche passeggero ne abbia uno da prestare. Ma attenzione alla pulizia del device e al rischio di trasmissione di infezioni attraverso il sangue.
Infine, se il medico è proprio convinto di trovarsi di fronte ad un ictus, potrà chiedere al pilota di fare un atterraggio di emergenza.

Alterazioni dello stato di coscienza. Sono una miriade e possono anch’esse rappresentare un’emergenza medica a bordo. Crisi convulsive e stato post-critico rappresentano il 5,8% di tutte le emergenze in volo; le complicanze derivate dal diabete un altro 1,6%. Le diagnosi differenziali che il medico deve considerare sono veramente molte e vanno dalle alterazioni metaboliche, alle complicanze vascolari, alle infezioni, ai traumi, all’ipossiemia solo per citarne alcune.
Il viaggio aereo di per sé può esacerbare una condizione neurologica; è il caso ad esempio della soglia convulsiva, che si abbassa a causa dell’ipossiemia durante il volo in quota di crociera e per le alterazioni nel ritmo circadiano del passeggero. Va sempre controllata la glicemia e corretta in caso di riscontro di crisi ipoglicemica (con bustine di zucchero o glucosata per via endovenosa). Somministrare ossigeno e chiedere al pilota di scendere di quota rappresentano altre misure utili.

Sincope. Sincopi e presincopi fanno la parte del leone tra le emergenze mediche (37,4%). Possono dipendere dalla disidratazione, dalla scarsa ossigenazione, ma anche dalla stanchezza e da un’alimentazione alterata, soprattutto nei voli di lunga durata. Il medico dovrà controllare pressione arteriosa e frequenza cardiaca. Il malessere si risolve in genere semplicemente sdraiando a terra il paziente e sollevandogli le gambe; ma a volte può essere necessario ricorrere alla somministrazione di liquidi endovena. Anche in questo caso va controllata la glicemia. Se i sintomi persistono e il passeggero ha una storia di cardiopatia, questo dovrebbe far propendere per un atterraggio d’emergenza.

Traumi. Non sono rari a bordo, soprattutto in occasione di un vuoto d’aria. Si tratta spesso di contusioni, molto più raramente di fratture (agli arti inferiori per lo più), traumi cranici, ferite. Non sono quasi mai letali, ma il medico le deve contestualizzare nelle condizioni generali del paziente (età, terapie in corso, uso di anticoagulanti, patologie concomitanti). Come primo intervento, ghiaccio, anestetici e immobilizzazione dell’arto con la sospetta frattura, in posizione di scarico. Chi ha subito un trauma cranico va tenuto sotto osservazione e in caso di comparsa di sintomi d’allarme, andrà richiesto un atterraggio d’emergenza.

Dispnea. La ridotta ossigenazione presente in cabina, può esporre i passeggeri al rischio di una riacutizzazione di una patologia respiratoria (es. BPCO o pazienti con ipertensione polmonare). Le crisi respiratorie rappresentano il 12% di tutte le emergenze in aereo. Il medico chiamato ad assistere il passeggero con questa emergenza dovrà innanzitutto somministrare ossigeno (un passeggero con una saturazione di ossigeno pari al 92% a livello del mare dovrebbe in realtà già portare con sé la sua bombola portatile, previ accordi con la compagnia aerea). Nel kit di pronto soccorso dell’aereo è presente l’albuterolo da somministrare per via inalatoria in caso di broncospasmo. Nell’eventualità di un sospetto pneumotorace in un paziente instabile, il medico dovrebbe effettuare la decompressione inserendo un grosso ago, presente nel kit di pronto soccorso dell’aereo. Utile anche far scendere di quota l’aereo.

Infezioni acute.Nel sospetto di un paziente a bordo con una malattia potenzialmente contagiosa, questo deve essere isolato, allontanato dagli altri passeggeri e gli andrebbe impedito di muoversi per la cabina. Vanno inoltre avvertite le autorità aeroportuali e il personale di cabina nell’eventualità debba essere organizzata una quarantena.

Emergenze psichiatriche.Rappresentano il 3,5% elle emergenze aeree. Possono essere scatenate da procedure d’imbarco o di security troppo lunghe, dal ritardo del volo, dalla scomodità del posto a sedere, dal consumo di alcol. Un passeggero agitato rappresenta un vero problema a bordo e pone gravi problemi di sicurezza. Nel kit di pronto soccorso a bordo non ci sono sedativi. Può dunque essere necessario ricorrere a misure di contenzione fisica, se non si riesce a calmare il passeggero. Anche in questo caso è bene inoltre controllare la glicemia.

Maria Rita Montebelli (leggi tutto su QuotidianoSanità)

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: