Cerca

Andrea Silenzi, MD, MPH

Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.

Tag

twitter

Mobile health in 2013: from the gym to the doctor’s office

Mobile health is on the upswing but, to date, consumers have mostly gravitated to apps for fitness tracking and general wellness. In 2013, however, the field could make its biggest strides yet in the actua

Dec 24, 2012 – 1:33PM PT

doctor lab coat

Thanks to a boom in digital health, the smartphone has assumed the role of everything from an ever-present fitness coach to FDA-approved heart monitor. And, as consumers move to mobile platforms, surveys show that more people are not only turning to their mobile devices for health information, they’re quickly imbuing the new technology with a great deal of trust (maybe too much trust given the poor quality of many apps currently available).  A study earlier this month from Royal Philips Electronics found that nearly a third of Americans said they use interactive health applications or symptom checker websites instead of going to the doctor.

But as some point out, the adoption of mobile health apps has been uneven, with most consumers gravitating to those for exercise, diet and weight and doctors indicating interest in, but not necessarily widespread adoption of, mobile apps. Given the fact that general fitness and wellness apps can appeal to a broader audience of healthy consumers and don’t require buy-in from doctors, insurance companies or other institutional players, it makes sense that mobile health, to date, has moved faster for fitness applications than clinical ones.

In 2013, however, mobile health could make its biggest strides yet in the actual delivery of healthcare services —  from disease management to remote health monitoring and more.

More clinical adoption on the horizon

“I think next year is the year we start to see much more clinical adoption,” said Chris Wasden, managing director in the PwC Healthcare Strategy and Innovation Practice. “I think you’re going to see in this next year a lot of announcements that are just more meaningful than the [those] we’ve seen.”

At next month’s Consumer Electronics Show, 25 percent more digital health and fitness gadgets are expected to be on display, with a solid showing from companies behind apps powering medical history management and telemedicine.  But the products themselves are just the beginning — in the last year, the regulatory and institutional landscapes have adjusted in favor of mobile health.

While the Food & Drug Administration (FDA) is still expected to provide further clarity on the kinds of health apps it will regulate, it’s already approved a range of apps (at least 75 according to ananalysis by MobiHealthNews). Developers still want more information on the scope of health apps the FDA plans to oversee, as well as details on the approval process and its timeframe, but Wasden said its track record on approved apps thus far removes some apprehension as it shows that there’s a somewhat standardized and reliable process. The FDA’s decision earlier this month to approve remote monitoring in a clinical trial was another major milestone and paves the way for increased mobile health adoption in the medical community.

Aside from that, the continued support of the Affordable Care Act and other health IT-related legislation passed under President Obama could give hospitals and doctors new incentives for mobile health apps related to issues like accountability and electronic health records.

Insurance companies go mobile

Insurance companies are also stepping up their games, with mobile platforms that combine their own mobile apps with third-party, consumer-facing apps. For example, earlier this month, Aetna’s CEO said his company’s health data syncing platform CarePass would go mobile in March, 2013 to connect its own full-service symptom checking app iTriage with fitness apps like Fitbit andMapMyFitness.

As app options proliferate, healthcare providers and patients need a way to distinguish the good from the bad – especially given reports that many apps overstate their effectiveness or are just thinly based on science. But companies like Happtique are emerging to provide healthcare providers with private app marketplaces that curate and certify top-quality health and fitness apps. Those kinds of platforms could further drive up the role of mobile apps in the medical arena.

An additional obstacle for health app developers, some say, has been the mismatch between the values of the medical community and those of launching a startup. Healthcare providers want documented proven outcomes and startup founders want to iterate fast and get early validation for their ideas. But the rise of health startup incubators, like Rock Health, Startup Health and Blueprint Health is helping to bridge those cultural divides and encourage innovation that satisfies both groups.

There are other challenges to broader adoption of mobile health technologies: patients often download apps only to later ignore them and doctors want more training around liability concerns, workflow changes and how to handle new data. Beyond that, some argue that the people who cost the health system the most are least likely to use new technology. Still, even though a mass shift to mobile health won’t happen overnight, 2012 set the stage for a new wave of mobile adoption by the medical community. Let’s see how much progress it can make in 2013.

da Gigaom.com

Annunci

Social media e governance: l’esperienza del n.10 di Downing Street @carlofavaretti @Medici_Manager

E’ successo qualche giorno fa che a fianco al mio solito posto al Social Media Council, si sedesse uno degli speaker che erano stati invitati per quella particolare sessione. Si trattava di Nick Jones, Head of Digital Communication per il n.10 di Downing Street la sede dell’ufficio del primo ministro David Cameron. Prendendo spunto dal suo intervento ho colto anche l’occasione per farci una breve chiacchierata, poi continuata via email, su come vengano utilizzati i Social per promuovere l’immagine del primo ministro. Nick ha avuto modo di spiegarmi come ad oggi i Social siano diventati un canale di comunicazione imprescindibile per l’ufficio di Cameron: “Forniscono – spiega – un efficiente e poco costoso canale diretto per comunicare i messaggi chiave del governo. In più, i contenuti digitali trasmessi attraverso questi canali, vengono spesso ripresa da altri media. Ad esempio Sky News che mostra uno screen shot del primo incontro del nuovo gabinetto avvenuto di recente e che abbiamo twittato dal nostro account”

Il Primo Ministro è presente sui principali social network, secondo una precisa strategia: “La presenza del “Number 10” si distribuisce su piu di 10 canali. @number10gov, l’account ufficiale, ha 2.14m follower e, insieme a Facebook e Linkedin, sono i canali social principali. Oltre a questi, Flickr e Youtube sono una risorsa importante per distribuire contenuti attraverso gli altri canali social. Al “Number 10” stiamo inoltre utilizzando in via sperimentale anche Pinterest, Foursquare, Storify e Tripline.” conclude Jones.

Proprio nel momento in cui scrivo, infatti, dall’account del Primo Ministro twittano riguardo alla visita ufficiale d a Roma con tanto di foto postata su Flickr, di cui, probabilmente, non sarei venuto a sapere altrimenti.
Insomma, si ha la sensazione di parlare con una persona estremamente preparata e all’avanguardia, definito un “Twitter addict” ed una delle 100 persone che, all’ombra dei riflettori, fanno girare questo paese. Una cosa sulla quale Nick mi ha chiesto di essere molto chiaro è che il suo team non gestisce l’account personale di Cameron @david_cameron, recentemente apparso su Twitter e che durante il primo giorno è stato seguito da oltre 50.000 utenti costringendo i bookmaker a ripagare gli scommettitori che non escludevano la possibilità di un successo cosi immediato, ma si occupa di curare l’immagine dell’istituzione sui Social. Il prossimo passo da fare, dice Nick, è quello di far crescere la piattaforma di quello che lui definisce “m-government”, dove la m sta per mobile.
Forte del successo del reclutamento di nuove forze per l’esercito, il piano del governo è quello di investire di più su tutto quello che riguarda le piattaforme mobili, Smartphone e Tablet perché in grado di raggiungere nuovi audience e di comunicare in maniera più “intima” con i cittadini…e per fortuna che questi sono i conservatori. Ma non è tutto oro quello che è online.

Ad esempio, il predecessore di Nick, Rishi Saha, è oggi il responsabile EMEA di una delle più grande agenzie di PR al mondo, alimentando le voci che vorrebbero il governo di Cameron troppo immischiato con i poteri forti. Numerose critiche, inoltre, hanno investito l’ufficio del Primo ministro per aver investito troppe risorse per curare la propria immagine, in particolare Rory Cellan Jones punta il dito contro la campagna Facebook costata quasi £100.000 per la “Great Campaign” soprattutto alla luce della scoperta dei falsi follower fatta dalla BBC stessa. Di sicuro c’è che nel 2012 non si dovrebbe aver paura di osare, di sembrare troppo al passo coi tempi, anche se questo significa esporsi a critiche feroci.

La lezione inglese ci insegna che i Social Media sono una soluzione ideale anche in ottica di creazione del consenso intorno alle istituzioni. I nostri politici invece si presentano sempre più impreparati a questa sfida collezionando figuracce a bizzeffe portandosi addosso quell’alone del “fatto in casa”. Non a caso l’età media dei nostri ultimi due primi ministri è di 72 anni mentre quella UK e’ 52.

Marcello Mari
Responsabile per l’Italia di GlobalWebIndex, vive a Londra dove ha fatto della tecnologia e dell’ICT un interesse prima che un lavoro. Laureato in Scienze Politiche, autore di un testo sulla Storia e le Istituzioni della Turchia, appassionato di Relazioni Internazionali e di Politica, ha vissuto per due anni negli Stati Uniti, uno in Indiana e uno in Illinois. Per Techeconomy scrive “London Notes”.

da Techeconomy.it

Antibiotici su Facebook e Twitter: campagna AIFA per usarli con cautela

L’Italia tra i Paesi Ue a più alto tasso di antibiotico-resistenza. Il rischio, oltre alle reazioni avverse, è di non avere in futuro più armi per curare anche molte patologie oggi ritenute minori. Per questo l’Aifa lancia una nuova campagna per sensibilizzare sull’uso appropriato degli antibiotici.

09 MAG – Il consumo inappropriato ed eccessivo di antibiotici e il conseguente sviluppo dell’antibiotico-resistenza in Italia e in tutti i Paesi Europei costituisce un problema di particolare rilievo per la tutela della salute dei cittadini, poiché espone al rischio di non poter disporre più, in un futuro ormai prossimo, di alcuna possibilità di cura per le infezioni. Ciò significa che anche patologie oggi ritenute minori, come ad esempio il “giradito”, potrebbero divenire temibili.
Tra le principali cause di prescrizione di un antibiotico vi sono, peraltro, le infezioni delle prime vie aree frequentemente sostenute da virus su cui l’antibiotico non ha efficacia. Inoltre, usare gli antibiotici quando non servono espone inutilmente al rischio di reazioni avverse.

Per questo, in linea con quanto attuato da altre istituzioni internazionali quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Ecdc (il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie), l’Agenzia Italiana del Farmaco, con il patrocinio del Ministero della Salute, ha rilanciato la campagna di comunicazione sul corretto uso degli antibiotici, dal titolo “Antibiotici? Usali solo quando necessario”.

La campagna di sensibilizzazione, che si concentrerà sui canali web e sui social network (Facebook e Twitter), intende informare i cittadini sull’importanza di:

– ricorrere agli antibiotici solo quando necessario e dietro prescrizione del medico che ne accerti l’effettiva utilità;
– non interrompere mai la terapia prima dei tempi indicati dal medico o, comunque, solo dietro suo consiglio;
– non assumere antibiotici per curare infezioni virali.

Leggi tutto su QuotidianoSanità

Google+, Facebook e Twitter a confronto (di Stefano Epifani)

Google+ è il tema del momento per chi si occupa di Social Network. In questi giorni sono rimbalzate in rete pagine e pagine di commenti, impressioni, critiche, descrizioni della piattaforma social di Google. Riuscirà a sbaragliare Facebook? Metterà alle strette Twitter? Quanto impiegherà a sviluppare un processo di integrazione con le altre applicazioni targate Google come la mail, il feedreader, la suite di office automation? E’ presto per dirlo. Sarà necessario, per dare risposte sensate, verificare come risponderà il grande pubblico.

Stefano Epifani ha ritenuto utile riassumere – le principali differenze e le più importanti analogie tra Google+, Twitter e Facebook in una semplice infografica che riporto qui di seguito:

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: