Cerca

Andrea Silenzi, MD, MPH

Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.

Tag

Tim Cook

Welcome iPhone 5…ecco foto e caratteristiche!

20120912-192716.jpg

– Il telefono è fatto interamente di vetro e alluminio, è diverso da qualsiasi modello mai creato. È il 18% più sottile dell’iPhone 4S, risultando anche il 20% più leggero. Lo spessore è di appena 7.6 mm e il peso di 112 grammi. Come spiega Schiller, chiunque può creare un telefono più grande, ma l’evoluzione è farlo più leggero e sottile. L’iPhone 5 ha un display da 4 pollici 16:9 con risoluzione 1136X640. Apple non ha voluto aumentare le dimensioni del display perché il telefono continuasse ad essere comodo in mano.
Tutti i software sono stati aggiornati, dalla mail al calendario, e le icone sul display stanno su 5 righe.
L’iPhone 5 sarà disponibile in due colorazioni. Bianco e nero. Quello bianco ha l’alluminio satinato sul retro, il nero invece alluminio nero anodizzato.

20120912-194333.jpg

– Tutte le applicazioni precedenti funzionano anche sul nuovo iPhone 5, ma gli sviluppatori stanno lavorando da tempo per aggiornare e rendere migliori le nuove app per il display introdotto sul telefono. Le applicazioni, fondamentalmente, si vedono molto meglio. La saturazione dei colori è il 44% in più, il touch è integrato nel display grazie ai sensori inseriti, permettendo ad Apple di eliminare uno strato.

– La connettività su iPhone 5 è HSPA+, DC-HSDPA e, finalmente, LTE: il nuovo iPhone è velocissimo. Nel telefono troviamo un chip singolo per voce e dati, oltre ad un singolo chip per le onde radio, il tutto grazie ad una antenna dinamica. Gli operatori telefonici statunitensi che consentono l’utilizzo dell’LTE sono ormai numerosi, ma il numero sta aumentando esponenzialmente anche in giro per il mondo. Per quanto riguarda l’Europa, le cose iniziano a smuoversi adesso, ma questo non fermerà il wireless ultraveloce di iPhone 5.

– A livello di connettività non troviamo solo l’LTE, ma anche il wireless ultraveloce. Il processore a bordo è un Apple A6, due volte più veloce del precedente, il 22% più piccolo, con prestazioni decisamente sorprendenti: lancia pagine web 2.1 volte più velocemente, salva immagini dall’app iPhoto 1.7 volte più velocemente e via dicendo

– Si parla di batteria, un argomento abbastanza importante per tutti. In chiamata/navigazione in 3G e LTE dura 8 ore, in browsing WiFi dura 10 ore. La fotocamera a bordo scatta a 8 megapixel 3264×2448, con retroilluminazione, filtri Hybrid IR e apertura f/2.4. La fotocamera è il 25% più piccola di quella dell’iPhone 4S e permette di scattare immagini perfette in condizioni di scarsa luminosità, sfrutta un sistema di allineamento delle lenti e il vetro zaffiro. Lo scatto è il 40% più veloce che in passato.

20120912-194413.jpg

– Viene presentata la nuova funzionalità Shared Photo Stream insieme a Panorama, una nuova modalità di scatto che consente di catturare immagini anche di 28 megapixel complessivamente, tramite la creazione di transizioni tra più foto messe insieme. Per quanto riguarda i video, vengono girati in 1080p, con stabilità migliorata e face detection. È possibile scattare foto mentre si girano video. FaceTime è ora in HD grazie ad iSight, con tre microfoni, qualità 720p e retroilluminazione. Il design degli speaker di iPhone 5 è stato migliorato con un 20% di ingombro in meno

– Gli speaker permettono ora la totale cancellazione dei rumori di fondo. Per quanto riguarda il connettore di iPhone 5, le cose sono cambiate: il wireless è sempre più presente ed importante rispetto al cavo. Ora si usa Lightning, un cavo decisamente più piccolo e sottile!

– L’adattatore è piccolo e compatto. La novità più importante di questo iPhone 5 è iOS 6, il nuovo sistema operativo aggiornato che verrà illustrato da Scott Forstall. Forstall anticipa la presenza di tante nuove funzionalità, a partire dalle mappe con 100mila nuovi punti di interesse complessivi e un motore di ricerca ad hoc, con indicazioni passo passo. Viene utilizzato l’angolo di visuale di una camera cinematica ed è possibile utilizzare le mappe in modalità landscape, oltre che portrait. Le immagini dal satellite sono state migliorate.

– Cliccando sull’opzione 3D è possibile vedere modelli in tre dimensioni delle vie rappresentate. Con due dita è possibile cambiare l’angolo di visuale della camera. Una novità nel Centro Notifiche permette di inviare un Tweet o uno status su Facebook con un semplice tap. Safari è stato migliorato di molto, permettendo anche la modalità full screen. iCloud tabs permette di sincronizzare i contenuti tra i browser mobile e quelli desktop. In Mail troviamo invece la funzionalità VIP, per collezionare i messaggi più importanti in un unico luogo.

– Passbook è la nuova app che permette di avere a disposizione tessere, biglietti del cinema o arei, tessere punti e via dicendo. Con un semplice tap abbiamo tutte le nostre carte e biglietti a portata di mano, in versione digitale. La funzionalità di condivisione del photo stream permette di selezionare alcune immagini per essere condivise in modo semplice e diretto: gli amici riceveranno una notifica push sui propri telefoni. Al momento la funzionalità non è ancora integrata con Facebook. Anche Siri è stata aggiornata e migliorata.

da Mobileblog.it

Annunci

In diretta dalla presentazione Apple: ecco l’iPhone 4s!!!

Presentato il nuovo iPhone 4s..ecco le foto dalla diretta:

20111004-195840.jpg

Design identico all’iPhone 4…ma all’interno nuovo processore A5 che lo renderà 7 volte più veloce

Versioni e prezzi: 16Gb 199$ 32Gb 299$ 64Gb 399$

In Italia dal prossimo 28 ottobre 2011

20111004-195954.jpg

20111004-200018.jpg

Il nuovo processore darà anche maggior respiro alla batteria, che durerà più a lungo. Ecco il prospetto presentato da Cook

20111004-200450.jpg

Antenna riposizionata (migliore ricezione)

Nuova fotocamera da 8 Mpx e video in full HD!!
Il sensore della fotocamera è retroilluminato e capace di catturare il 73% della luce in più; ottima rapidità di esecuzione… 1 secondo per la prima foto e mezzo per le successive.
Ecco il confronto con la “concorrenza”:

20111004-201139.jpg

Possibilità del Video Mirroring con o senza fili, come su iPad2. Si potrà condividere tutto sulla tv, non solo foto e video.

Inserita la Voice Recognition (riconoscimento vocale)…pareggiato e superato l’unico punto che mancava rispetto alla concorrenza.
Potrete chiedere tutto al nuovo “assistente vocale”, tecnologia innovativa chiamata SIRI:

20111004-201856.jpg

L’iPhone 4s diventa il nostro personale “grillo parlante”, con il controllo di tutte le funzionalità dal calendario ai messaggi, dalle note all’email:

20111004-202002.jpg

Non serve più navigare e cercare le informazioni su Safari o Wikipedia…basterà chiedere al nostro iPhone 4s. Idem per fissare appuntamenti e memorizzarli sul calendario:

20111004-202152.jpg

Diventa il nostro “ricercatore” personale….chiediamo e l’iPhone 4s tramite SIRI risponde:

20111004-202717.jpg

Apple ha dato vita a KITT di Micheal in Supercar!!!

20111004-202827.jpg

Supporta Inglese Francese e Tedesco…work in progress per Spagnolo ed Italiano.
Miglioriamo la nostra pronuncia…

20111004-203537.jpg

da IphoneItalia

Non è la macchina ad essere importante, la rivoluziome è altrove. Ed è in un sistema che, per la prima volta, si propone a noi in maniera completa come una alternativa a tutto quello che fino ad oggi abbiamo conosciuto e considerato come assodato. Il cloud significa vivere senza supporti e poter utilizzare anche un piccolissimo oggetto come uno smartphone al posto del dvd o della console per i videogame sotto al televisore. E Siri, l’assistente intelligente, ci dice anche che stiamo entrando in un mondo senza tastiere, nemmeno quelle virtuali alle quali da pochissimo, con smartphone e tablet, ci eravamo abituati. Il mondo post-pc non ha nulla di fisico, non ci sono tastiere e supporti, non ci sono dischi, libri, giornali o dvd. E tra poco non avremo nemmeno bisogno di un motore di ricerca tradizionale, perché il nostro piccolo smartphone sarà in grado, è già in grado, di ascoltare le nostre domande e cercare per noi le risposte, come abbiamo visto in centinaia di film di fantascienza. Siamo all’inizio, l’assistente parla solo tre lingue, inglese, francese e tedesco, e non è detto che capisca davvero tutto al primo colpo. Ma se pensiamo a com’erano i telefoni cellulari solo una decina di anni fa è facile scommetere su un rapido miglioramento del software.

 

 

 

 

 

L’iPhone 5 atteso il 4 ottobre. Sarà il battesimo sul palco per il ceo Tim Cook. Le anticipazioni…

Il nuovo numero uno di Apple, Tim Cook, il 4 ottobre potrebbe salire sul palco dello Yerba Buena Center e presentare al mondo il nuovo iPhone 5, oltre a lanciare ufficialmente iCloud e la versione 5 di iOS, il sistema operativo degli iPhone e iPad di Apple. Questo, almeno, secondo attendibili indiscrezioni raccolte dall’autorevole gruppo di blogger di All Things Digital del Wall Street Journal.
I nuovi iPhone 5 verrebbero presentati sul palco ma non sarebbero da subito disponibili nei negozi. Ci sarebbero stati infatti ritardi di produzione, difficoltà da parte dei terzisti asiatici nell’assemblaggio delle componenti, e quindi la messa in commercio nel mondo potrebbe essere scaglionata e ritardata di qualche settimana. Questo darebbe così il modo alla Apple di far partire senza altre interferenze i servizi di iCloud, una delle operazioni più delicate dell’azienda di Cupertino, che deve riuscire a colmare il divario con Google e Microsoft nell’offerta di servizi di Cloud computing.

In ogni caso, l’evento in cui sarà presentato l’iPhone 5, che si tenga il prossimo 4 ottobre o più avanti, sarà comunque condotto da Tim Cook. Sconosciuto al grande pubblico, che non l’ha mai visto parlare in pubblico, è invece un personaggio più noto ai giornalisti economici che lo incontrano da anni regolamente negli eventi di presentazione dei risultati finanziari. Schivo e poco portato per le apparizioni gratuite, in realtà Cook è tutt’altro che timido o impacciato in pubblico. La sua personale strategia in Apple è stata finora quella di lavorare nelle retrovie senza apparire in pubblico. Ha gestito tutta la trasformazione operativa di Apple dopo il rientro di Steve Jobs alla fine degli anni Novanta, quando l’azienda era in crisi (e lui ha fatto chiudere le fabbriche di prodotti in California, trovando i terzisti asiatici in grado di produrre gli attuali apparecchi della Mela morsicata “Designed in Cupertino, Made in China”) e si è imposto come il più capace nel governare l’azienda sia nell’ordinaria amministrazione che nei momenti di “crisi” con il numero uno impossibilitato. La scelta logica da parte del board dei consiglieri d’amministrazione caldeggiata anche dallo stesso Steve Jobs è stata che fosse Tim Cook a sostituire il co-fondatore dell’azienda. Così è stato e i mercati finanziari hanno premiato questa scelta facendo continuare il rally del titolo di Apple. Ma la vera prova del fuoco sarà sul palcosenico, durante il primo impatto con il pubblico della Mela durante il lancio di iPhone 5. Un pubblico esigente e particolare, che segue le vicende di Apple da decenni e che ha contestato e poi esaltato lo stesso Steve Jobs. Un pubblico che, se non dovesse “gradire” Cook, potrebbe indebolirlo al punto da rischiare di affondarlo.
Non è chiaro se parteciperà all’evento anche Steve Jobs: le voci che provengono da Cupertino dicono che la decisione sarà presa all’ultimo, verificando le condizioni di salute Jobs che sarebbero adesso “altalenanti”. In ogni caso, se da un lato la presenza di Jobs toglierebbe a Cook la possibilità di avere il palco tutto per sé per conquistarsi il suo nuovo pubblico, dall’altra darebbe agli appassionati della Mela la possibilità di avere una transizione esplicita tra i due uomini e potrebbe così aiutare anche i più intransigenti “partigiani” di Steve Jobs ad accettare il nuovo corso dell’azienda. In ogni caso, anche per un manager di lungo corso e grande esperienza come Cook, avere ottenuto la guida di Apple ancora non basta: il vero esame deve essere ancora superato.

20110922-061106.jpg

Com’è fatto. L’apparecchio sarebbe sostanzialmente più sottile dell’attuale iPhone 4 (che è spesso 9,3 millimetri), avrebbe i bordi smussati e il fondo leggermente bombato in alluminio e non più in vetro, con un cristallo di protezione allo schermo un po’ più grande dell’attuale. Non è chiaro se cambierà la risoluzione dell’attuale Retina Display da 3,5 pollici con 640 per 960 pixel (con una densità 326 ppi) ma potrebbe in realtà utilizzare semplicemente una superficie maggiore (attorno ai 4 pollici) a parità di risoluzione, per controbattere la concorrenza soprattutto dei prodotti Samsung come il Galaxy S II, che sono dotati di ottimi e più grandi display Amoled da 4,27 pollici. Ci sarebbero un tasto “home” più grande e rettangolare, la possibilità di utilizzare le “gestures” come sull’iPad per passare da una applicazione all’altra o per chiuderle (disponibili con iOS 5) e addirittura un concept di smart cover magnetica che si potrebbe “attaccare” come una tendina al telefono.
Le voci sulle possibili funzionalità del nuovo iPhone nelle ultime settimane hanno quasi raggiunto il parossismo: è stato suggerito che possa essere presente anche un meccanismo di ricarica senza cavi ma “a contatto”, che potrebbe permettere di dare energia alla batteria del telefono semplicemente appoggiandolo sopra una superifcie induttiva. E, ancora, ci sarebbe il chip NFC per le funzioni di pagamento elettronico contactless (come alcune carte di credito e i telefoni concorrenti sempre di Samsung), funzioni avanzate di riconoscimento vocale e del viso, una batteria migliorata nettamente così come l’antenna (che nel modello 4 è stata protagonista di una spiacevole polemica sul suo effettivo buon design, chiamata Antennagate), addirittura doppio flash LED.
Queste le principali voci, delle quali non si può ovviamente verificare la la fondatezza sino a quando non arriverà il telefono.
Di sicuro però si può azzardare il nuovo iPhone sarà più potente e porterà un netto miglioramento nel settore delle videocamere: maggiore risoluzione per quella frontale da usare nelle chat video (FaceTime) e soprattutto migliore risoluzione rispetto all’attuale videocamera posteriore da 5 megapixel, che potrebbe arrivare a 8-10 megapixel, ad esempio come alcuni prodotti già commercializzati dalla concorrenza coreana.
Accanto all’iPhone 5 circolano diverse indiscrezioni anche su altri due scenari. Verrebbe lanciato durante l’evento del 4 ottobre anche un secondo apparecchio “low cost”, cioè una versione “depotenziata” dell’attuale iPhone 4, con la videocamera dell’iPod touch (risoluzione minore) e meno memoria. Inoltre, lo stesso iPod touch potrebbe essere abbandonato, per far spazio appunto a una versione dotata di connessione 3G, che coinciderebbe con l’iPhone low cost. Sembra un discorso poco chiaro perché, in realtà, lo è: sono sempre più numerose e incontrollate le voci che si susseguono e in buona parte si sovrappongono, tanto da portare alla luce anche evidenti contraddizioni logiche in quello che è diventato una specie di gioco di società: azzeccare gli annunci di Apple.

Da Sole24Ore

Presentata l’ultima creatura di Steve Jobs: ecco l’iTeam!

One last thing, un’ultima cosa. Se Steve Jobs si fosse trovato a tenere una delle sue memorabili presentazioni, avrebbe forse introdotto così la notizia del giorno. Invece, ha scelto la forma della lettera, brevissima, per lanciare la sua ultima creatura. Che si potrebbe chiamare i-Team, la squadra che prende il suo posto. Lascia perché non ha più le forze per continuare, Jobs, il leader malato della Apple più sana, ricca e profittevole della storia. E quindi presenta al board la sua richiesta: si dimette, suggerisce di nominare al suo posto Tim Cook e chiede di poter restare come presidente e dipendente della società. L’essenziale sa essere commovente. Il board accetta e in poche ore il sito della Apple registra che Tim Cook è il CEO.

E ora? Perché sia un successo, l’iTeam, occorre che il capo abbia progettato la squadra in modo che chi gli succede sia grande. Anche senza di lui.
Certo, non sarà facile. Basta guardare a questo agosto di terremoti nell’industria digitale, che si conclude con il massimo grado. Il mercato di borsa ne approfitta per risentirne. Ebbene, tutto quello che è successo, dall’acquisto della divisione telefoni cellulari della Motorola da parte di Google al sostanziale abbandono di Palm da parte della Hp, appare come la conseguenza delle innovazioni fondamentali prodotte dalla Apple guidata da Jobs. È la sua leadership culturale, più ancora che la sua produzione, ad aver cambiato il destino dell’industria musicale, con l’introduzione del sistema iPod-iTunes, della telefonia, con l’iPhone-AppStore, e della fruizione quotidiana della rete, con l’iPad. Google e Hp sembrano rispondere, non fare la partita. E pensando alle condizioni disastrose in cui si trovava la Apple quando Jobs è tornato, come pensando ai successi incredibili che ha ottenuto nei quasi tre lustri successivi, il mondo da anni si domanda che cosa sarà della Apple dopo la fatale partenza del suo leader. Ed è per questo che la successione è destinata a essere il capolavoro o il fallimento di Jobs.

Sapendo quanto maniacale sia sempre stato Jobs nella cura dei dettagli, anche l’iTeam che lascia al suo posto deve essere stato preparato con attenzione. Tim Cook è da anni il suo braccio destro. È l’uomo che è riuscito a rendere possibile l’impossibile: fare prodotti di massima qualità con costi ridotti all’osso, senza rinunciare alle componenti più ricche. Cook dice sempre: «Il magazzino è il male». Jobs lo ha spesso ripetuto: è Cook che ha consentito alla Apple di essere unica nei prodotti e di rispondere alle esigenze del mercato senza inefficienze, per arrivare a una profittabilità straordinaria: i computer, i telefoni, i lettori di musica, alla Apple, non sono commodity. Sono oggetti unici fatti in serie. Prima di Cook, la Apple non riusciva mai sincronizzarsi con la domanda del mercato. Con Cook ce l’ha fatta perfettamente.

Per questo, l’esigentissimo, essenziale, elegante designer Jonathan Ive ha potuto scrivere pagine decisive nella progettazione degli oggetti digitali. E Ive resta l’altro caposaldo dell’iTeam, cui tutti guardano per la continuità del messaggio identitario fondamentale dei prodotti della Mela. È per questo, probabilmente, che Philip Shiller resta al suo posto di capo del marketing: «Lo sapete che cosa succede quando un’azienda ha innovato tanto che è l’unica a fare i prodotti che fa? Che cominciano a comandare i capi delle vendite. Gli uomini di prodotto ne soffrono. Ma questo significa che quando quei prodotti saranno superati l’azienda non avrà più innovatori al suo interno». Così parlò Steve Jobs, nel 2004, quando stava già pensando alla successione. Shiller aveva preso il posto di Jobs, in passato, quando si trattava di parlare in pubblico dei nuovi prodotti. Ma era Cook a essere nominato per prendere il posto di Jobs durante i suoi periodi di assenza: perché i prodotti della Apple non sono il modo in cui vengono raccontati. Sono il risultato di un’intera filosofia aziendale. Che interpreta l’esigenza del pubblico offrendo qualcosa che il pubblico non sapeva di poter desiderare, definendo così il percorso dell’innovazione.

Il prodotto di successo, alla Apple, non è il colpo di genio di un inventore: è il risultato di un metodo. Che diventa identità aziendale.
Quel metodo e quell’identità sono i binari sui quali Jobs lascia la sua squadra. Perché siano grandi, i suoi successori dovranno interpretare il loro compito senza timidezza. Ma con la stessa fiducia di poter cambiare il mondo e con la stessa maniacale attenzione al risultato della loro opera.

Se l’iTeam saprà superare il suo fondatore, il suo fondatore avrà superato sé stesso.

di Luca De Biase

La lezione di Jobs. Le aziende che promuovono i propri manager guadagnano di più

20110826-231209.jpg

La squadra è tutto in in un’azienda. Lo sa da molto tempo e l’ha messo in pratica Steve Jobs, che prima del suo abbandono definitivo, ha lavorato molto per costruire l’«i-Team» che lo sostituirà in Apple nei prossimi anni.

Jobs ha lasciato in eredità la sua società a Tim Cook, che da anni è il suo braccio destro e che negli anni si è conquistato la piena fiducia dei dipendenti, del cda e soprattutto di Wall Street. Anche l’ultima mossa dell’«uomo che ha inventato il futuro» si potrebbe rivelare, dunque, azzeccata.
A conferma di questa scelta, la risposta positiva dei mercati dopo l’addio, e un recente studio di una business school americana. Secondo il report congiunto della società di consulenza A.T.Kearney e della Kelley School of Business dell’Università dell’Indiana, le società che rinnovano la leadership pescando al proprio interno ricavano maggiori profitti.

L’analisi, Twenty-year Study Shows Superior Long-Term Financial Performance for S&P 500 Corporations that Promote CEOs from Within, che risale all’aprile scorso, prende in esame le performance di 500 società non finanziarie dello S&P tra il 1988 al 2007. Scartando il 75% delle aziende, che nel frattempo sono scomparse, tra le rimanenti ben 36 big society che avevano reclutato i loro amministratori delegati internamente, hanno dimostrato di aver superato in redditività e valore quelle che hanno invece preferito rivolgersi ai cacciatori di teste per scegliere a qualunque costo il «ceo migliore sulla piazza».

C’è poi un altro aspetto che contribuisce ad aumentare l’appeal di una scelta interna: la spesa. Tra stipendio, bonus e altri incentivi un manager che viene da fuori costa il 65% del più di uno promosso nel team dirigenziale. Tra le società analizzate che hanno contribuito a creare il piano di successione più redditizio fino ad ora ci sono Best Buy, Caterpillar, FedEx, Honda, McDonald’s, Microsoft, Oracle, Johnson & Johnson e Nike. Probabilmente, tra dieci anni, ci sarà anche Apple.

da il Sole 24 Ore

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: