Cerca

Andrea Silenzi, MD, MPH

Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.

Tag

Walter Ricciardi

Policlinico #Gemelli: gli Ospedali Universitari ed il processo di cambiamento del Servizio Sanitario Nazionale @WRicciardi @drsilenzi

Una riflessione a più voci  sul ruolo degli Ospedali Universitari di fronte alle nuove sfide poste da un sistema sanitario in profonda trasformazione. E’ uno degli obiettivi del Convegno intitolato “Gli Ospedali Universitari e il processo di cambiamento del Servizio Sanitario Nazionale” che si svolgerà presso l’auditorium della Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli”  venerdì 8  e sabato 9 novembre 2013. Articolato in quattro Tavole Rotonde che affronteranno alcune determinanti tematiche del contesto sanitario attuale.

Immagine

SCARICA IL PROGRAMMA DELL’ EVENTO

Un confronto a tutto campo con relatori e moderatori di diversa estrazione culturale provenienti dal mondo sanitario, universitario, economico, giuridico e giornalistico. Alla fine di ciascuna sessione le considerazioni conclusive saranno affidate ai rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali.

 

 

WHY ARE PEOPLE LOSING FAITH IN CONVENTIONAL POLITICS? @martinmckee @WRicciardi

Posted by  on http://martinmckeesblog.blogspot.itImmagine

People in many countries are losing faith in politics as usual. Some are returning to the politics of an earlier age, voting for neo-fascist parties such as Golden Dawn in Greece and Jobbik in Hungary. Elsewhere, those calling for transparency and direct democracy, whereby those elected should represent the people rather than powerful vested interests, are achieving success. The most newsworthy example was in Italy, where a party led by a professional comedian emerged as the largest single party in the 2013 general election although elsewhere, the Pirate Party, which originated in Sweden, is seeing electoral success in a growing number of countries, with Iceland only the most recent. In the England, the UK Independence Party is now in third place in opinion polls, despite revelations from e-mails exchanged by its senior officers that it is so desperate to have semi-coherent policies on a range of topics that it is considering buying them from sympathetic think-tanks. 
History, especially that of Europe in the first half of the twentieth century, reminds us that a failure by politicians to manage an economic crisis can lead to a rejection of conventional political parties so, to some extent, what is happening now should not be a surprise. But history also reminds us that the importance of these developments should not be underestimated. No matter how justified it may seem to describe parties such as UKIP as being composed of “loonies and fruitcakes”, this rather misses the reason why a disillusioned electorate has lost faith in conventional politics.
Two recent health-related events typify this view. The wave of revulsion that followed the shooting of 20 children and six staff in Sandy Hook Elementary School, in Connecticut, seemed to many people to be a game changer. The National Rifle Association attracted ridicule when it suggested that the best way to prevent more deaths in school shootings was to arm teachers. Opinion polls shows overwhelming support for tighter gun control measures, with 92% supporting the closure of loopholes that enable those buying firearms at gun shows to avoid background checks. Yet, when even such a modest measure such as this reached the Senate, it was defeated. 43 of the 46 senators voting against it had received campaign donations from the National Rifle Association. They found every excuse possible, no matter how incredible, to justify their failure to act against products responsible for the murders of over 8,000 Americans every year.  Having striven relentlessly to prevent any research that might challenge their position being undertaken, they ignored or dismissed what did exist, such as that showing a clear linkbetween the laxity of state-level gun control laws and shootings. Bizarrely, a few days later, many of the same senators, who had rejected what they saw as intrusive surveillance by the federal government, rushed to condemn the FBI for failing to identify the Boston bombers before they acted.
About the same time, the upper chamber of the UK parliament was debating another health-related matter, the regulations requiring NHS services to be opened to competition. Ministers had offered copious reassurances that the Act, from which the regulations flowed, meant something other than what it plainly said. When the regulations confirmed its true meaning they claimed it was a mistake and, after scattering a few words such as integration almost at random, claimed to have fixed it. Legal opinion, not refuted by the government’s response that sidestepped the key issues, confirmed that therevised version was effectively unchanged. A major campaign was launched to ensure that peers were aware of this and the concerns of by health professionals and their representatives, some of whom seemed finally to have woken up to the threat being posed. Yet as in the US Senate, the government dismissed the evidence. A subsequent detailed legal analysissuggests that the speech by the minister introducing the regulations was incorrect in almost every respect. Despite overwhelming opposition by those who had studies the provisions, the government was successful, leaving those responsible for managing the NHS struggling to reconcile the regulations with ministers’ stated intentions. Quite why so many peers supported this obviously flawed legislation remains unclear but, as with the US Senate, a growing number of people are asking questions about the financial links between the private healthcare industry and some of the most eloquent supporters of the Act and the subsequent regulations.
 Politicians are meant to represent the views of the people, not powerful vested interests. Unfortunately, at times, they seem to echo the suggestion by Bertolt Brecht when he observed that, as the East German communist party had lost the confidence of the people, “would it not be simpler if the government simply dissolved the people and elected another?” Maybe they should reflect on this if they don’t want to join the Communist Party of the DDR in the dustbin of history. 

(FISPeOS) LA SANITA’ PUBBLICA ALZA LA TESTA! DOMANI LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

ROMA, Martedì 7 maggio
Hotel Nazionale, Piazza Montecitorio
ORE 11.00
 
LA SANITA’ PUBBLICA ALZA LA TESTA!
DOMANI LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE 
 
 
Otto società scientifiche, tra le maggiori nel campo della Sanità Pubblica e dell’Organizzazione Sanitaria, danno vita alla Fispeos, la più grande Federazione di Sanità e Salute pubblica in Italia con il fermo proposito di promuovere, sviluppare e consolidare un Servizio sanitario nazionale pubblico, equo, solidale, efficiente, produttivo e uniforme sul territorio.
 
La Federazione, che attraverso le società scientifiche aderenti porterà la voce e le istanze di decine di migliaia di operatori e professionisti sanitari, interverrà nel dibattito pubblico e si proporrà ai decisori istituzionali con proposte evidence-based ed iniziative scientificamente fondate. 
 
Domani, 7 maggio, alle ore 11.00, presso l’Hotel Nazionale di Piazza Montecitorio il Presidente della FISPEOS, Walter Ricciardi (Medici Manager SIMM) e il Consiglio direttivo presenteranno obiettivi e mission nel corso di una Conferenza Stampa alla quale saranno presenti anche i Presidenti delle Società scientifiche fondatrici (SIMG, SIMM, SIHTA, SItI, CARD, SISMEC) e delle due Società aderenti (SIGG e SIP).
 
 
La FISPeOS
 
•  Società Italiana Medici Manager (SIMM)
•  Società Italiana di Health technology Assessment (SIHTA)
•  Società Italiana di Medicina Generale (SIMG)
•  Società Italiana di Igiene, medicina preventiva e Sanità pubblica (SItI)
•  Società scientifica delle attività sociosanitarie territoriali – Confederazione delle Associazioni regionali di Distretto (CARD)
•  Società Italiana di Statistica Medica ed Epidemiologia Clinica (SISMEC)
•  Società Italiana di Geriatria e Gerontologia (SIGG)
•  Società Italiana di Pediatria (SIP)
 
 
Ufficio Stampa
KOS – Comunicazione e Servizi
 
Info: Corrado De Rossi Re
Mob. 335.5828572

NHS privatisation – we are right to be afraid (by Prof @martinmckee) @WRicciardi @carlofavaretti

Just before Christmas David Cameron’s former speechwriter, Ian Birrell, wrote in praise of private sector involvement in the delivery of healthcare (NHS privatisation fears? Grow up). It is no secret that many members of the current government see the NHS, along with the BBC and the Royal Mail, as ripe for privatisation (or what you and I might describe as untapped opportunities for profiteering by their friends and supporters in large corporations). Yet Birrell’s enthusiasm for privatising the NHS overlooks two fundamental characteristics of private companies. They hate uncertainty (as their advocates tell us again and again) and they will invest their capital wherever they can be sure of making the greatest profits.
For health care to be attractive to them it is necessary to distort the delivery of care so much as to make it almost unrecognisable. As Margaret McCartney has set out in detail in her excellent book, The Patient Paradox, it must exclude anyone whose condition cannot be put into a tidy box and costed. Hence, the concern he voices for elderly and disabled patients seems at odds with the profit imperative to get rid of them, ideally to the social care sector where their care will be means tested. As we have shown in a recent paper, this is only part of a multipronged attachment on older people (or as certain politicians would say, sotto voce, those who have outlived their usefulness). Consequently, while no-one wants to see older people stuck inappropriately in hospital, we must consider the motives of those now suggesting that they should never be in a hospital at all. Recall that, in many cases, it is only possible to know that someone is entering the final few months of life in retrospect. The exclusion of old people from the health system will free space needed to screen the worried well until some harmless anomaly can be found and treated at a guaranteed profit.
Private providers will only contract with the NHS if the market isrigged in their favour, for example by capping their losses as happened in the deal with Hinchingbrooke Hospital, since condemned by the Public Accounts Committee. He invokes Germany as an example of a country where the private sector is heavily involved in health care delivery but seems unaware of the very different model of Rhineland capitalism in force there, with trade unions represented on supervisory boards of firms. The benefits of this approach over the Anglo-Saxon model we use have been set out at length by Will Hutton. The situation in our two countries is entirely different.
Birrell’s claim that “competition works in health, just as it works elsewhere” displays an ignorance of a literature stretching back fifty years. The theory was set out in 1963 by the Economics Nobel Laureate Ken Arrow and the empirical evidence gathered since then. He must surely know that the research he cites has generated results that are medically implausible and have been heavily criticised.
People with complex disorders, cannot be commodified. The abject failure of the market-based health system in the USA to improve health outcomes, despite spending vast sums of money, should give him pause for thought. On a whole range of measures, the NHS in the UK outperforms those in other industrialised countries. When someone is proposing something so completely at odds with the evidence, it is only reasonable to ask why and who will benefit?
Posted by 

La Società Italiana di Igiene (SItI) ha aderito alla FISPEOS

L’Assemblea generale dei Soci SItI ha approvato all’unanimità la mozione presentata dal nuovo Presidente Michele Conversano di adesione alla Federazione Italiana delle Società di Salute Pubblica e Organizzaizone Sanitaria (FISPEOS) presieduta dal Professor Walter Ricciardi. La FISPEOS sarà l’associazione che federa e raggruppa associazioni scientifiche e professionali nell’ambito della Salute Pubblica, l’Amministrazione ed il Management Sanitario, la Politica e l’Economia della Salute, la Ricerca in Salute Pubblica.

La FISPEOS è stata costituita a Roma il 17 settembre e la SItI figura tra le Società fondatrici con SIMM (Società Italiana Medici Manager), SIHTA (HTA, Società Italiana di Health Technology Assessment), CARD (Confederazione Associazioni Regionali di Distretto), SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) e SISMEC (Società Italiana di Statistica Medica ed Epidemiologia Clinica); AIE (Associazione Italiana Epidemiologia) e ANMDO (Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere) potranno aderire entro il 31 dicembre di quest’anno come Società fondatrici, diventando come la SItI e le altre Società membri del Consiglio Direttivo. Anche la Società Italiana di Pediatria (SIP) ha aderito alla federazione.

La FISPEOS si costituirà come associazione senza fini di lucro, sottostante al principio di non retribuzione delle cariche sociali, direttive e rappresentative, con la vocazione ad essere riconosciuta come di interesse sociale e sanitario per le autorità. La FISPEOS avrà come finalità il contributo al miglioramento della salute e dei servizi di assistenza sanitaria della popolazione italiana, attraverso la promozione delle conoscenze scientifiche e lo sviluppo professionale della salute pubblica e del management sanitario inteso in un contesto più ampio sia multidisciplinare che collaborativo.

Allo stesso tempo la FISPEOS avrà come fine la promozione dell’efficace governo della sanità attraverso la sintesi e la diffusione delle migliori conoscenze scientifiche sulle problematiche sanitarie e la promozione del buon governo e dello sviluppo di politiche sanitarie efficaci per il sistema sanitario nazionale.

Apre il Congresso Nazionale SItI 2012: “La Prevenzione e la Sanità Pubblica al servizio del Paese”

Si apre oggi a Santa Margherita di Pula (CA), fino al 6 ottobre, il 45° Congresso nazionale della Società italiana di Igiene. Tra i temi, l’Ilva di Taranto e il futuro delle vaccinazioni, la gestione delle malattie croniche e il riordino della sanità del territorio, fino gli orizzonti della sanità pubblica in Italia.

20121003-111704.jpg

Per maggiori informazioni

“I vaccini sono i farmaci più sicuri. Giusto informarsi, ma attenti ai farabutti”

Walter Ricciardi dirige il dipartimento di Sanità pubblica al Gemelli di Roma: “Tra gli antivaccinalisti c’è anche chi non è in buona fede. Per questo invito le mamme a cercare informazioni su siti sicuri”. Ma l’obbligo vaccinale è effettivo? “Sì, anche se il nostro è un Paese a maglie larghe”

Walter Ricciardi

“La maggior parte degli antivaccinalisti irriducibili è in buona fede, ma ci sono anche i farabutti”. Walter Ricciardi, direttore del dipartimento di Sanità pubblica del policlinico Gemelli di Roma, non ha dubbi sulla bontà delle vaccinazioni pediatriche: “Questi farmaci sono i più testati e per produrli vengono adottate le tecnologie più sicure. In ogni caso i genitori hanno il diritto di sapere tutto sui vaccini che vengono iniettati ai loro figli. Devono però informarsi da autorità competenti e non solo in Rete, dove si leggono anche tesi prive di fondamento che seminano terrore”.

L’Italia è tra i pochi paesi in Europa in cui la vaccinazione è un obbligo di legge e non una scelta. Eppure ci sono molte vie di fuga. Perché?
Dal punto di vista strettamente giuridico esiste ancora l’obbligo per quattro vaccini (difterite, tetano, poliomelite, epatite b). Ma l’Italia è un paese restio agli obblighi. Dal punto di vista formale i bambini che non vengono vaccinati non potrebbero nemmeno essere iscritti a scuola. Eppure l’applicazione delle restrizioni è “a maglie larghe”. Nel 2008 è nato l’esperimento-pilota del Veneto, che ha ottenuto una sospensione dell’obbligo: l’obiettivo, in sostanza è convincere le mamme con un’informazione corretta e non costringerle attraverso una fredda lettera di convocazione. E i risultati arrivano, visto che non si è registrato un calo sostanziale dei vaccinati. Certo, il timore di un allargamento della deroga anche alle altre regioni esiste: gli enti investiranno adeguatamente sulle campagne informative? Se l’obbligo cessasse senza investimenti da parte degli enti sarebbe un dramma.

Perché se l’obbligo riguarda quattro vaccini, i bambini vengono convocati per iniettarne sei, con il vaccino esavalente?
Le vaccinazioni che abbiamo a disposizione sono tutte importanti. Malattie come il morbillo, grazie ai vaccini, non dilagano più. Ma non sono certo scomparse. Inoltre è utile limitare il numero delle visite alle Asl evitando di dover “bucare” più volte i bambini. Le voci secondo cui si tratta di un’imposizione delle case farmaceutiche sono false, anche se non bisogna nascondere che l’esavalente permette certamente allo Stato di risparmiare. In ogni caso è possibile richiedere i vaccini singoli e modificare, con i medici preposti, il piano vaccinale.

Un’altra accusa al sistema sanitario è quella di informare poco sulle controindicazioni dei vaccini.
L’informazione è fondamentale e deve essere fatta meglio. Certo chi è contrario ai vaccini riesce a essere convincente, ma spesso pubblica affermazioni non provate scientificamente. I vaccini sono le tecnologie più sicure e più testate. Anche quelli combinati, come l’esavalente, sotto accusa perché inietta una decina di antigeni insieme. Ma quando un bambino gioca in spiaggia ne riceve migliaia. Ed è bene così. La fortificazione naturale del sistema immunitario va incentivata, perché non ci sono stimolazioni naturali in grado di far rispondere a certe malattie.

Perché il piano del ministero prevede le vaccinazioni a tre mesi di vita? Alcuni medici obbiettano che sia meglio attendere che il sistema immunitario sia più strutturato.
Evidenze scientifiche provano che è proprio quando i bambini sono in una fase evolutiva c’è la necessità di vaccinare. E la stimolazione data dall’esavalente è certamente più indicata rispetto a singole iniezioni.

Cosa pensa di chi sceglie di non vaccinare i propri figli?
E’ impensabile avere l’approvazione del 100% della popolazione. C’è sicuramente una minima percentuale di “antivaccinalisti irriducibili” che non sono convincibili. Se sono in pace con se stessi e lo fanno con onestà intellettuale, fanno bene a continuare la loro battaglia. Ma basta cercare online per trovare anche tanti farabutti, che sostengono quella causa per puro tornaconto personale: avvocati che invogliano a fare causa e in qualche caso, anche medici. Alle mamme che vivono lo stress di una scelta difficile dico: informatevi veramente, ma fatelo parlando con il personale e consultando siti ufficiali e garantiti.

A proposito di cause e avvocati, come commenta sentenze (come quella recente del tribunale di Rimini) che associano il vaccino del morbillo all’insorgenza di patologie gravi come l’autismo?
Penso tutto il male possibile dei giudici che decidono senza avere il supporto della prova scientifica. Quando si cede all’emozione, si fa cattiva giurisprudenza e pessima informazione. E’ inaccettabile.

da il Fatto Quotidiano

Gli spasmi di un organismo in decomposizione

di Italia Futura , pubblicato il 1 giugno 2012

immagine documento

Italia Futura non è interessata ad alleanze con le attuali forze politiche, né tanto meno a mettere piede in un Parlamento composto da nominati e divenuto l’emblema del totale discredito in cui versa gran parte della classe dirigente politica italiana.

Italia Futura, da quando è nata tre anni fa, ha rappresentato una delle pochissime voci che si sono levate dalla società civile per denunciare lo stato di progressiva decomposizione della politica italiana, la totale mancanza di capacità nell’affrontare le questioni centrali del paese e il fallimento senza attenuanti della Seconda Repubblica e dei suoi principali esponenti.

Abbiamo chiesto le dimissioni del governo Berlusconi e sostenuto la formazione del governo Monti, che continuiamo a ritenere oggi l’unica soluzione per gestire l’emergenzanella quale si trova il nostro paese.

Non possiamo impedire che si parli di noi, ma allo stesso modo non possiamo accettare di essere chiamati in causa da esponenti del Pdl con cui non abbiamo niente a che fare.

Con queste parole, volutamente nette e dure, riteniamo di chiudere una volta per tutte la porta algossip politico alimentato ad arte da alcuni naufraghi della seconda repubblica.

Junior Medical Leaders – per una nuova formazione in Medicina!

L’adeguata comprensione della cultura manageriale e della leadership risulta ancora, troppo spesso, lontana dal percorso formativo di molti medici. Dura a morire è, infatti, l’errata percezione di molti neolaureati in Medicina e Chirurgia della dicotomia tra l’essere un clinico, focalizzato sul paziente, e l’essere gestore del budget destinato alla copertura dei costi dell’assistenza. Eppure, il solo fatto che il clinico operi in un contesto di risorse definite dovrebbe far capire che egli deve saperle anche amministrare per effettuare scelte non solo efficaci, ma soprattutto efficienti.

La Società Italiana Medici Manager (SIMM), in occasione del V Congresso Nazionale “Sistemi di Cura e Cura dei Sistemi” che si svolgerà a Roma il 14-15 Giugnop.v. ha deciso di dare l’opportunità agli studenti iscritti al Corso di Laurea di Medicina e Chirurgia ed Economia e Gestione delle Aziende e dei Servizi Sanitari dell’Università Cattolica del Sacro Cuore più meritevoli la possibilità di prendere parte ai lavori congressuali e vivere la die giorni fianco a fianco dei medici leader più importanti del panorama nazionale ed internazionale.

 Il programma del Congresso è scaricabile dal sito www.medicimanager.it

 I 7 studenti di Medicina e Chirurgia ed i 5 studenti di Economia più meritevoli – (sulla base del curriculum degli studi ponderato sull’anno di corso) avranno l’iscrizione “giovani” al Congresso di € 50,00 offerta dalla SIMM e riceveranno l’iscrizione gratuita all’Area Giovani  Medici Manager della nostra Società per un anno.

Gli aspiranti dovranno inviare il proprio curriculum in formato europeo (clicca qui) entro l’8 Giugno 2012 alla Segreteria Medici Manager SIMM (e-mail:segreteria@medicimanager.it). Ai vincitori la comunicazione sarà data entro l’11 Giugno.

 In occasione del Convegno sarà assegnato, come ormai di consueto, il premio Medico Manager dell’anno intitolato al Dott. Leonardo La Pietra che quest’anno sarà assegnato al Direttore di Medici con l’Africa Cuamm Don Dante Carraro.

 I lavori congressuali si svolgeranno presso la Sala Congressi dell’hotel “Courtyard by Marriott Rome Central Park” (Via Moscati 7, Trionfale, 00168 Roma).

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: