Cerca

Andrea Silenzi, MD, MPH

Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.

Tag

giovani medici

  • By: Matthew Billingsley, George Gillett

The outcome of the junior doctor contract negotiations could have a major impact on current medical students’ pay and working conditions. Below is a timeline of the major flashpoints, and an overview of the changes being proposed.

October 2013—Talks begin between NHS Employers and the BMA

NHS Employers, acting on behalf of the government, and the BMA, the trade union for doctors in the United Kingdom, start discussing the terms of the new contract, with a view to implementing it by April 2015.

October 2014—BMA walks away from the negotiation table

After a year of negotiations the BMA pulls out of talks citing concerns about patient safety, doctors’ welfare, and a lack of evidence underpinning the changes. Kitty Mohan, co-chair of the junior doctors’ committee at the time said the contract proposals lack a “fundamental grasp” of the way in which NHS staff work and that doctors are “upset and frustrated” with how their work was not being “valued, noticed and recognised.”

November 2014—DDRB steps in

After the breakdown of talks, the government commissioned the Review Body on Doctors’ and Dentists’ Remuneration (DDRB) to review the contract proposals.

July 2015—DDRB report published

The DDRB report says that the current contract is no longer fit for purpose and is hindering the achievement of the NHS’s goals to improve patient care and outcomes, and is unaffordable in the current financial climate. The report includes several recommendations that upset junior doctors (box 1). NHS Employers in England agreed that the DDRB report should be the basis for finalising new contractual arrangements. NHS Northern Ireland, Scotland, and Wales all rejected the new contract and have decided not to enforce it.

August 2015—Junior doctors vote against re-entering contract negotiations

The BMA’s junior doctor committee rejects further negotiations with NHS Employers, citing the proposals in the DDRB report as “unacceptable.”

August 2015—Jeremy Hunt threatens to impose the contract

Jeremy Hunt, secretary of state for health in England, threatens to impose the new contract if an agreement cannot be reached between the government and the BMA by early September 2015. The chair of the BMA, Mark Porter, accuses Jeremy Hunt of making a “wholesale attack” on doctors.

This month also saw the hashtag #imatworkjeremy take off in reaction to Hunt’s speech at the King’s Fund, where he said the new contract was necessary in order to deliver a seven day NHS. Many healthcare staff took exception and proceeded to post photos on Twitter of themselves on working at weekends.

September and October 2015—Protests in the streets

Tens of thousands of junior doctors and supporters protest in several UK cities against the changes proposed in the new contract.

October 2015—Pay rise offer rejected

Just before the BMA was due to ballot its members for strike action, Jeremy Hunt offered junior doctors an 11% rise in their basic pay. The BMA dismissed this as effectively a pay cut because junior doctors’ overtime hours are still being reduced, which can make up as much as 40% of their income. The Department of Health also refused to enter conciliatory talks with the BMA, mediated by ACAS, an organisation that resolves employment disputes.

19th November 2015—98% of junior doctors vote to strike

The BMA represents 37 155 of junior doctors in England and 98% of them voted in favour of taking strike action in protest against changes to their contract. The BMA announced the dates of one day of industrial action and two days of strikes in advance so that junior doctors and their employers could make arrangements to cover the withdrawal of their services. The knock on effect was that some operations and procedures were cancelled.

30th November 2015—Strikes suspended

On the eve of the first day of industrial action, the BMA agreed to suspend the strikes until the 13 January and negotiate with the government, after Jeremy Hunt agreed to pause the imposition of the new contract. Despite the strike action being called off, 4000 operations were cancelled and the BMA and Jeremy Hunt both accused each other of stalling on talks that could have averted this inconvenience for patients.

13th January 2016—Deadline to agree new contract

The BMA and the government have until mid January to come to an agreement on a new contract. It is unclear at the time of going to press what concessions each side would be willing to make to resolve the dispute. If an agreement cannot be met, then the BMA may set new dates for industrial action.

More: http://student.bmj.com/student/view-article.html?id=sbmj.h6669&utm_source=MarketingEmail&utm_medium=email&utm_campaign=SBMJ_5mins_January_Worldwide&utm_content=read+full+article&utm_term=

Annunci

The future of medicine is food

Written by Deena Shanker

Med school has changed. (Tulane University)

 

In between anatomy and biochemistry, medical students in the US are learning how to sauté, simmer and season healthy, homemade meals.

Since 2012, first and second year students at Tulane University School of Medicine in Louisiana have been learning how to cook. Since the program launched, Tulane has built the country’s first med school-affiliated teaching kitchen and become the first medical school to count a chef as a full-time instructor.

Sixteen med schools have now licensed the center’s curriculum, as have two non-medical schools, the Children’s Hospital San Antonio-Sky Lakes Residency Program and the Nursing School at Northwest Arkansas Community College. In fact, about 10% of America’s medical schools are teaching their students how to cook with Tulane’s program, Tim Harlan, who leads Tulane’s Goldring Center for Culinary Medicine, told the James Beard Foundation conference last month. It also offers continuing medical education programs with a certification for culinary medicine, for doctors, physicians assistants, nurse practitioners, pharmacists, and registered dietitians.

The program, developed with culinary school Johnson & Wales, helps doctors give real health advice to their patients, says Harlan, who’s both a chef and a doctor. As he says in the video below: “We’re not talking about nutrition, we’re talking about food.”

“We translate the preponderance of dietary evidence,” which Harlan told Quartz supports the oft-praised Mediterranean diet, “for the American kitchen.” That includes consideration of cost as well as nutritional value—diet-related illnesses like obesity are often linked to low income communities, including the New Orleans community that Tulane’s kitchen also serves. This also works out well for training would-be doctors, says Harlan, who are usually on a stringent budget themselves.

The cooking classes are supplemented with lectures, reading and team-based problem solving as well, and though coursework begins broadly for first and second year students—with an overview of the Mediterranean diet and basic knife handling skills included in the first “module”—Harlan says they are developing about 30 more modules for third and fourth year students. Those will focus on specific ailments like congestive heart failure, HIV and celiac disease.

Fans of the program, including both doctors and chefs, are hoping it will be part of a major shift in the way doctors communicate with their patients about nutrition, especially amid rising rates of obesity and other diet-related illnesses. Currently less than half of American primary care physicians offer their patients specific guidance on diet, physical activity or weight control, a 2011 study found. “The fact that doctors are now learning to cook is like a revolution,” said Sam Kass, a former White House chef and senior nutrition policy advisor, at the James Beard conference.

While it’s still early days for the Tulane program, two separate studies have shown its effectiveness—for both the patients and med students alike. (Both studies included authors from the Goldring Center.) The first, which looked at patients with Type 2 Diabetes, found, for example, that those that who participated in the program saw a major drop in total cholesterol, while those who did not participate saw an increase. The second found that medical students also benefited: They not only thought nutrition advice was important for their patients, but for themselves, too. By the second year, the participating med students were eating significantly more fruits and vegetables than they had previously.

Harlan expects a sea change to take place in the way doctors treat chronic illness—and the way insurance charges for it. At the conference, Kass described a future where doctors write recipes as prescriptions and insurance companies treat food as a reimbursable expense. (There is, of course, a strong economic argument in favor of a prevention-based approach to health.) Harlan predicts that care plans will eventually include menu planning, recipes and maybe even programming to get the ingredients delivered to patients. “Call me up in ten years and let’s see if that’s true

 

Tra le vittime dell’ISIS ora ci sono anche i medici

I medici uccisi da Isis in un fotogramma del filmato diffuso in rete
I medici uccisi da Isis in un fotogramma del filmato diffuso in rete
Torna a far paura lo Stato Islamico (IS) e lo fa macchiando di sangue i camici bianchi. Infatti in Iraq, i jihadisti islamici hanno freddato con colpi di arma da fuoco alla testa una decina di «medici che si erano rifiutati di prestare cure ai miliziani feriti». A darne notizia è il canale satellitare iracheno Sumariya, che mostra un video diffuso dallo stesso ISIS. Secondo l’emittente, la strage è avvenuta a sud di Mosul, nel nord dell’Iraq, nei pressi di Hamam al Alil. Da tempo Isis ha avviato una campagna di reclutamento di giovani medici stranieri in modo da assicurarsi cure per i suoi soldati feriti. Inoltre, come dimostrano i proclami della propaganda, tra i compiti attribuiti alle donne c’è quello di praticare e studiare medicina.

           Tratto da Corriere.it

DEVI SCEGLIERE TRA 4 o 5 ANNI: ECCO LE FAQ DEL SIGM PER RISPONDERE AI DUBBI E ALLE LEGGENDE DELLA RETE

Un Gruppo di Lavoro del Dipartimento Specializzandi dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha predisposto delle FAQ (Domande e Risposte) relative ai quesiti più frequenti riguardanti il Decreto Interministeriale del 4 febbraio 2015, n. 68 che ha introdotto il Riordino delle Scuole di Specializzazione di area sanitaria con una rimodulazione dell’assetto formativo delle singole Scuole e, per alcune di queste, anche con una riduzione della durata del corso formativo. Buona lettura.

GUIDA PER L’OPZIONE AL NUOVO ORDINAMENTO DIDATTICO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE: FAQ (DOMANDE E RISPOSTE) 

“NON C’È SOLO LA DURATA: SENSIBILIZZIAMO LE ISTITUZIONI PER UNA FORMAZIONE DI QUALITÀ!”

COMUNICATO STAMPA

ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI MEDICI (SIGM)

Un “mail-bombing” per chiedere al MIUR ed al Ministero della Salute di farsi garanti dell’adozione ed utilizzo di indicatori di performance assistenziali e formative nel processo di accreditamento e di attivazione delle Scuole di Specializzazione di medicina ai sensi della Riforma sul Riordino.

In queste giornate caotiche in cui molti medici in formazione specialistica sono chiamati ad effettuare una scelta “a scatola chiusa” nell’esercizio del diritto di opzione al nuovo ordinamento didattico delle scuole di specializzazione di medicina è doveroso ricordare come più che la DURATA sotto i riflettori del processo di riordino debba rimanere la QUALITÀ della formazione. Qualità sempre difficile da dimostrare ma che, sicuramente, si può misurare!

Tra gli aspetti innovativi e qualificanti del Decreto Interministeriale sul Riordino degli Ordinamenti didattici delle scuole di specializzazione di area sanitaria (D.I. 4 febbraio 2015 n. 68), di particolare interesse resta l’introduzione di specifici Indicatori di Qualità (indicatori di performance assistenziali e formative), in aggiunta agli standard e ai requisiti strutturali e organizzativi ad oggi utilizzati ai fini dell’accreditamento ed attivazione delle scuole di specializzazione.

Al fine di chiedere al MIUR ed al Ministero della Salute di farsi garanti dell’adozione e dell’utilizzo dei citati indicatori di qualità, l’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) lancia un “mail-bombing”.

Sono invitati ad aderire all’iniziativa tutti i medici in formazione specialistica e gli aspiranti specializzandi (neolaureati e studenti in medicina). A partire dal 30 marzo 2015 e sino al 2 aprile 2015 questi dovranno inviare il testo allegato (SCARICARE) ed inviarlo per e-mail al MIUR (segreteria.cdg@istruzione.it) ed al Ministero della Salute (segr.capogabinetto@sanita.it).

Maggiori info su:

http://www.giovanemedico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2189:non-ce-solo-la-durata-sensibilizziamo-le-istituzioni-per-una-formazione-di-qualita&catid=121:specializzandi&Itemid=178

TUTTO QUELLO CHE UN GIOVANE MEDICO DOVREBBE SAPERE PER PROGRAMMARE IL PROPRIO FUTURO

Estratto da “APPELLO ALLE GIOVANI GENERAZIONI DI MEDICI” (testo da leggere [tutto] e su cui riflettere [molto])

Purtroppo il nostro rimane il Paese dove si continua a definire il numero di accessi programmati a medicina ed ai percorsi di formazione post lauream (scuole di specializzazione e corsi regionali di formazione specifica di medicina generale) in base al dato storico o in funzione dei condizionamenti derivanti da interessi di parte, ovvero senza prevedere gli scenari di salute ed organizzare l’assistenza mettendo al centro il bisogno di salute della popolazione (link). 

È il Paese in cui non si riesce a realizzare una adeguata selezione della classe dirigente della sanità, vuoi perché la politica, invece di investire e sostenere un processo di implementazione di una riforma epocale che interessa migliaia di medici, per superficialità ed incompetenza rende più complicato il tutto, nonostante gli appelli delle Associazioni di categoria, e mette a rischio l’innovazione del concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione, vuoi perchè gli interessi di parte riducono le Regioni all’organizzazione di concorsi privi di ogni criterio di trasparenza e meritocrazia per l’accesso ai corsi regionali di medicina generale. E l’interesse di parte o dei singoli prevale anche tanto per l’accesso ai ruoli del SSN (dove la raccomandazione prevale sull’essere un buon professionista e dove i “primariati” sono tagliati su misura) quanto per l’accesso al convenzionamento nel territorio (dove l’appartenenza ad una lobby professionale supera ogni concetto di meritocrazia).

È il Paese in cui chi sbaglia non si fa da parte, ma continua a governare con la stessa approssimazione, se non peggio, le vicende che interessano migliaia di giovani medici aspiranti specializzandi, arrivando al punto di comunicare a mezzo stampa, nel corso dell’ultimo giorno utile per la pubblicazione del bando di concorso, l’avvio dell’iter di modifica del Regolamento che disciplina le modalità di selezione, gettando tali giovani laureati nel limbo dell’incertezza.

È il Paese in cui nel corso dello scorso anno accademico tanto al concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione quanto ai concorsi regionali per l’accesso ai corsi di medicina generale si sono iscritti circa 12000 medici. Di questi, soltanto 6400 circa hanno trovato o stanno trovando collocazioneutile nelle scuole di specializzazione (circa 5500 contratti) e nei corsi di medicina generale (circa 900 borse di studio).

E di questi “fortunati” colleghi futuri specialisti e generalisti il futuro occupazionale è incerto, laddove si consideri che troppo pochi sono i medici generalisti e specialisti che vengono formati per lavorare nel territorio [FRANCIAn. laureati in medicina: circa 7400 anno; n. posti post-lauream a.a 2013/2014: 7903 (di cui n. posti in Scuole di Specializzazione esclusa Medicina Generale a.a 2013/2014: 4033; n. posti in Scuola di Specializzazione in Medicina Generale: 3870). SPAGNAn. laureati in medicina: circa 7000 anno; n. posti post-lauream a.a 2013/2014: 6150 (di cui n. posti in Scuole di Specializzazione esclusa Medicina Generale a.a 2013/2014: 4375; n. posti in Scuola di Specializzazione in Medicina Generale: 1775] e troppi, di contro, sono gli specialisti addestrati in branche orientate prevalentemente alle acuzie e quindi con sbocchi lavorativi negli ospedali. Senza dimenticare l’aspetto quantitativo, essendo noto come il fenomeno del task shifting, unitamente allo spostamento delle cure nel territorio, richieda la disponibilità di un minor numero di medici rispetto al passato [con 3,92 medici ogni 1000 abitanti, l’Italia già nel 2010 si poneva al terzo posto tra i Paesi dell’Europa a 27, a fronte di un dato medio UE pari a 3,37 medici ogni 1000 abitanti. Dal 2010 ad oggi il quadro si è “aggravato” a causa del blocco dei pensionamenti e della stabilizzazione dei precari (turn over), nonché per l’incremento degli accessi programmati a medicina, innalzati dalle circa 7500 sino gli attuali circa 10000 al netto degli accessi in sovrannumero].

Continua a leggere su “APPELLO ALLE GIOVANI GENERAZIONI DI MEDICI” (testo da leggere [tutto] e su cui riflettere [molto])

[#GiovaniOMCeO]: Richiesta di presa di posizione da parte della #FNOMCeO su bozza Ddl delega ex art. 22 del Patto della Salute

Al Presidente FNOMCeO

Ai Presidenti degli OMCeO Provinciali

p.c.

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca

Al Ministro della Salute

Al Presidente della Conferenza Stato Regioni

Agli Assessori Sanità Regionali

Oggetto: Richiesta di presa di posizione da parte della FNOMCeO su bozza ddl delega ex art. 22 del Patto della Salute

La lettura della bozza del Ddl delega ex art. 22 del Patto della Salute su “gestione e sviluppo delle risorse umane del SSN”, messa a punto di recente dal Tavolo politico che avrebbe dovuto terminare i suoi lavori, secondo il cronoprogramma stabilito dal Patto della salute, il 31 ottobre u.s., desta non poche preoccupazioni e perplessità che tenteremo di seguito di sintetizzare.

Secondo quanto previsto dall’art.1 del predetto DDL, al punto 1, lettera a (1-3), in materia di accesso del personale medico al Servizio Sanitario Nazionale ed il relativo inquadramento in una categoria non dirigenziale, i medici potrebbero, infatti, accedere al SSN anche in assenza del diploma di specializzazione (probabilmente, ma non è specificato, a seguito di pubblico concorso), con un inquadramento non dirigenziale, ovvero inseriti nel comparto sanitario (andando incontro ad una parificazione con il personale paramedico). Resta, a questo proposito, alquanto difficile interpretare il profilo di responsabilità professionale propria di tali figure, che rimangono comunque medici aldilà della volontà di perseguire un loro inquadramento nell’ambito del comparto, con le conseguenti gravi ripercussioni sia sui professionisti, ma soprattutto sugli utenti. In aggiunta è stata, altresì, paventata la possibilità per una parte dei medici inquadrati in tale peculiare profilo di entrare in soprannumero, al termine di un non meglio definito periodo di prova, in una scuola di specializzazione di area sanitaria.

Per argomentare quanto sia dequalificante una proposta di questo tipo non ricorreremo a paradigmi legati alla deontologia e al valore della Professione, benché validissimi e sufficienti di per sé a pesare e valutare una siffatta proposta, bensì ci limiteremo a descrivere il contesto nel quale una soluzione del genere viene proposta.

In una situazione caratterizzata da una pressoché assente programmazione di risorse umane nella sanità italiana e da criticità crescenti per i giovani medici italiani, in ambito sia di formazione sia di accesso al lavoro, sembra assurdo che si arrivi a teorizzare un doppio binario formativo e l’inserimento di medici neolaureati con contratto riservato ad altre figure professionali non mediche nelle strutture della reti sanitarie regionali. Lo dice il buon senso: tanto la formazione quanto la Professione medica subirebbero un sicuro declassamento, piegandosi, di fatto, alle esigenze delle Regioni e dei rispettivi Servizi Sanitari Regionali, che inquadrerebbero i medici “in categoria non dirigenziale nell’ambito dei rispettivi contratti di area III e IV, i cui livelli retributivi siano equivalenti a quelli previsti per la categoria DS del comparto“, rinunciando a formare in maniera adeguata professionalità utili a rendere il sistema competitivo. Tali nuove figure professionali, poi, (neanche lontanamente paragonabili agli attuali specializzandi, sia per status sia per diritti e tutele) sarebbero impiegate, probabilmente, anche in ospedali periferici (spesso da riconvertire o chiudere secondo i criteri di qualità e sicurezza per operatori e pazienti) dotati di una casistica clinica insufficiente e carenti di strutture e risorse umane (tutor) utili a formare uno specialista.

Desta non minore preoccupazione l’annuncio (1.a.4) della volontà di “soppressione di un numero di posti nelle dotazioni organiche delle aziende ed enti sanitari equivalenti nel piano finanziario”. In ciò si ravvisa l’ennesimo tentativo di far pagare la sostenibilità della sanità alle giovani generazioni di medici e professionisti sanitari, come se non fosse noto a tutti l’esorbitante conto di sprechi e inappropriatezze organizzativo-gestionali in essere nei vari contesti sanitari regionali. Di tali restrizioni ne soffrirebbero i neo specialisti e, in prospettiva, tutti gli attuali laureati abilitati e studenti in medicina, che si vedrebbero azzerare nel tempo le future possibilità di assunzione.

A tutt’oggi, non sono ancora chiare le modalità di ammissione in soprannumero alle scuole di specializzazione enunciate al punto 1.a.5, che sarebbero adottate  in assenza di un qualsiasi criterio di programmazione e di una metodologia scientificamente fondata per definire i fabbisogni di medici (basti guardare all’attuale programmazione dei fabbisogni esitata dalle singole Regioni, che seguono il dato storico e la logica del trend dei pensionamenti, mentre è ormai prassi all’estero pianificare nel tempo secondo i trend epidemiologici ed il carico di malattia).

Nelle lettere b e c della bozza del documento ritroviamo gli enunciati presentati in un vecchio Ddl a firma dell’allora Ministro Fazio e poi ripresentati mesi addietro in un omnibus dall’attuale Ministro Lorenzin: la partecipazione alle attività ordinarie delle U.O. delle aziende del SSN fino a completa autonomia. Anche qui è necessario sottolineare come, un siffatto provvedimento, senza garanzia di non sostituibilità del personale di ruolo con i discenti e, soprattutto, di non saturazione delle piante organiche, rischia di diventare un pericoloso boomerang per le speranze di accesso al lavoro da parte dei futuri specialisti in quanto si configurerebbero situazioni in cui l’ampio turnover renderebbe inutile bandire concorsi per assumere nuovo personale dirigente medico.

Nel testo, si affronta, infine, anche lo sviluppo professionale di carriera della dirigenza (1.d) attraverso 1) introduzione di misure per una maggiore flessibilità nei processi di gestione delle risorse umane; 2) definizione e differenziamento all’interno della dirigenza medica e sanitaria di percorsi di natura gestionale e percorsi di natura professionale.

Se il primo punto appare talmente indefinito da sembrare pericoloso, il secondo lascia intravedere un pericolosissimo attentato ai principi della clinical governance, approccio sistematico che orienta alla qualità e al miglioramento continuo la pratica clinica centrata sul paziente, con una dequalificante forzata scissione tra competenze manageriali e cliniche in completa antitesi con ogni evidenza scientifica e ogni modello gestionale di successo. Nell’era del “medico manager”, leader dei sistemi sanitari complessi, non si comprende come la scelta di un percorso manageriale possa annullare l’attività clinica di un medico, o, viceversa, come sia possibile la scelta di un percorso professionale puro, incontaminato dal management, a meno che questo non si configuri invece come un mero tentativo di “circoscrizione tecnica” di un professionista nel tentativo di espropriare il medico dal proprio ruolo di leader della sanità italiana e dei suoi processi assistenziali.

Chi scrive ritiene quanto mai urgente che la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e Odontoiatri e gli OMCeO tutti prendano una ferma posizione sul tema ed agevolino l’apertura di un dibattito interno alla Professione e con l’opinione pubblica intera su quanto sta accadendo, a garanzia del futuro di chi è chiamato a tutelare, con la propria opera professionale, la salute dei cittadini. Che una riforma della formazione medica e di area sanitaria vada fatta, e in fretta, è ormai assodato. Ma è parimenti necessario evitare la discesa nell’abisso della dequalificazione professionale.

Senza retorica, alla lettera recentemente indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri nella quale il Presidente FNOMCeO richiedeva di “reingegnerizzare un sistema che sia idoneo a garantire a tutti i giovani che si laureano in Medicina e chirurgia non un lavoro certo ma quanto meno la possibilità di competere per un lavoro agendo o sul braccio formativo o sulle regole di accesso al lavoro o molto meglio su entrambi”, è necessario che faccia seguito, da parte del massimo organismo di rappresentanza della Professione, una presa di posizione netta e dura in merito al testo del DDL 5 novembre 2014 che, così come formulato, mortifica l’essenza stessa della Medicina.

In tal senso, l’unica strada utile e opportuna appare senza dubbio l’integrazione delle migliori esperienze ed eccellenze che possano esprimere i vari ambiti della sanità, creando una piena osmosi tra Università e SSN (nella sua duplice declinazione di Ospedale e Territorio).

Nonostante lo sforzo profuso per arrivare ai 5.000 contratti ministeriali, risultato raggiunto grazie allo stanziamento di risorse economiche aggiuntive da parte del governo, è necessario pensare da subito a un piano di rientro a garanzia del diritto alla formazione post laurea che faccia fronte agli attuali trend di accesso al corso di laurea in medicina, attestatisi sulle 10.000 unità senza alcun fondamento di carattere programmatorio.

Bene utilizzare anche le risorse delle Regioni per garantire il diritto di formazione all’interno di reti formative realmente integrate e di qualità a chi, da medico abilitato, è già oggi un’incredibile risorsa accantonata e non valorizzata, pronta ad essere da subito un valore aggiunto per la nostra sanità e per la tutela del diritto alla salute dei cittadini. Allo stesso modo sembra necessario garantire quanto prima ai medici in possesso del titolo di specializzazione o del diploma di formazione specifica in medicina generale la possibilità di accesso stabile nel nostro sistema sanitario scongiurando la scelta da parte di alcuni dell’emigrazione forzata o di una seconda specializzazione tampone.

Per ottenere ciò è quanto mai urgente rimettere al centro la programmazione, ridurre gli ingressi al corso di laurea in medicina e garantire il diritto alla formazione post laurea per mezzo della valorizzazione delle strutture di eccellenza del SSN ed il potenziamento di reti formative integate. Per farlo serve lavorare su indicatori di volume e di performance assistenziale, in modo da selezionare i contesti più idonei a garantire un’ adeguata e qualitativamente fondata formazione e professionalizzazione dei giovani medici. Le Istituzioni e le Agenzie di un Paese economicamente avanzato, non possono non avere tutti gli strumenti per poterlo fare. Allo stesso modo la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e Odontoiatri deve essere messa nelle condizioni di poter contribuire attivamente a un processo di riordino della formazione medica che punti all’integrazione delle eccellenze di Università e SSN.

Sicuri di trovare sensibilità, condivisione e pieno supporto attendiamo fiduciosi una presa di posizione dell’Istituzione cui tutti noi guardiamo come garante della tutela della Professione Medica.

Rocco Guerra (OMCeo Bari)

Giuseppe Frau (OMCeO Cagliari)

Carlo Piredda (OMCeO Cagliari)

Filippo Narese (OMCeO Caltanissetta)

Pasquale Gianluca Albanese (OMCeO Catania)

Salvo D’Agati (OMCeO Catania)

Raffaele Gibilisco (OMCeO Catania)

Salvatore Vitale (OMCeO Catania)

Francesco Ursini (OMCeO Catanzaro)

Sara Antenucci (OMCeO Chieti)

Lorenzo Capasso (OMCeO Chieti)

Pietro Castellan (OMCeO Chieti)

Sebastiano Di Nardo (OMCeO Chieti)

Caterina Miscia (OMCeO Chieti)

Federico Nervegna (OMCeO Chieti)

Renata Gili (OMCeO Cuneo)

Roberto Altavilla (OMCeO Ferrara)

Giovanni Elia (OMCeO Ferrara)

Zairo Ferrante (OMCeO Ferrara)

Agostino Panajia (OMCeO Ferrara)

Francesco Lapolla (OMCeO Foggia)

Elena Pieroni (OMCeO Macerata)

Andrea Silenzi (OMCeO Macerata)

Martino Massimiliano Trapani (OMCeo Milano)

Carlo Curato (OMCeO Modena)

Pierino di Silverio (OMCeO Napoli)

Salvatore Moscadini (OMCeO Palermo)

Virgilio de Bono (OMCeO Roma)

[il documento resta aperto all’adesione di ulteriori sottoscrittori tra quanti tra i giovani medici consiglieri di ordine, componenti delle commissioni dei revisori dei conti e commissioni giovani medici condividono i contenuti del presente documento – inviare propria richiesta di adesione a omceo.giovani@gmail.com]

borsa-medica-da-dottore

Medicina, storia di una “selezione” – di Donatella Lippi

«Insegnerò la medicina ai miei figli, ai figli del mio maestro e agli allievi legati dal Giuramento medico, ma a nessun altro».

Questo il messaggio contenuto nel testo del Giuramento, che la tradizione ha proditoriamente attribuito a Ippocrate.

La formazione medica, circoscritta al rapporto genitoriale maestro-allievo, si sarebbe poi arroccata dietro l’impenetrabilità della lingua, il ceto sociale, i privilegi, ritagliandosi un suo spazio esclusivo, attraverso il distacco da altri professionisti della salute, privi di curriculum formativo certificato.

Il medico laico, insignito del titolo di doctus atque peritus, dotato di claritas del sapere, lucidus habitus scientifico, splendor dottrinale, diventa, così, protagonista di una elitaria ascesa, confluendo, nelle sue espressioni socialmente superiori, nella noblesse de robe, la nuova nobiltà di toga.

Leggi tutto

Immagine

 

Stop ad incarichi convenzionati a medici in pensione. Leggete cosa dice la risposta del Ministero all’interpellanza presentata. #svoltiAMOlaSANITÀ

tersilliNel mese di marzo l’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) si era fatta promotrice di una ferma richiesta alle Istituzioni competenti atta a far rispettare la normativa che sancisce l’incompatibilità tra i medici dipendenti in quiescenza dal SSN ed il convenzionamento con la specialistica ambulatoriale.

In questa cornice rientra l’interpellanza n. 92815 presentata dall’On. Prof. Calabrò tesa ad avere chiarimenti circa le iniziative per regolamentare l’incompatibilità tra incarichi di consulenza e trattamento pensionistico per il personale medico già dipendente dal Servizio Sanitario Nazionale.

La risposta de Ministero sembra soddisfacente. Guardate cosa dice la risposta scritta all’interpellanza.

(___Leggi tutto qui___)

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: