Cerca

Andrea Silenzi, MD, MPH

Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere alterum non laedere, suum cuique tribuere.

Tag

riforma

Test di medicina: 12 graduatorie congiunte e 10.173 posti disponibili

Sfondano quota 10mila i posti disponibili al corso di laurea in Medicina e chirurgia. E le graduatorie degli studenti non saranno più per ateneo ma per 12 gruppi di atenei: un passo avanti rispetto alle graduatorie plurime ritenute illegittime appena pochi giorni fa dal Consiglio di Stato (la Consulta dovrà pronunciarsi nei prossimi mesi) ma ancora lontano dalla graduatoria unica nazionale ritenuta da molti l’unica strada per riconoscere davvero il merito.
Nel decreto ministeriale n. 196 firmato oggi dal ministro dell’Università, Francesco Profumo, sono confermate in gran parte le anticipazioni sulle modalità di svolgimento delle prove di ammissione per l’anno accademico 2012-2013.
Ecco gli accorpamenti decisi secondo il criterio della vicinanza geografica. :

. Bari, Foggia, Molise
. Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia, Politecnica delle Marche
. Brescia, Pavia, Verona
. Cagliari, Sassari
. Catania, Catanzaro “Magna Graecia”, Messina, Palermo
. Chieti “G. D’Annunzio”, L’Aquila, Perugia, Roma “Tor Vergata”
. Genova, Torino I Facoltà, Torino II Facoltà
. Milano, Milano Bicocca, Varese “Insubria”, Vercelli “Avogadro”
. Napoli “Federico II”, Napoli Seconda Università, Salerno
. Padova, Trieste, Udine
. Roma La Sapienza Med. e Farmacia Policlinico A E, Roma La Sapienza Med. e Odontoiatria Policlinico B C D, Roma La Sapienza Med e Psicologia
. Firenze, Parma, Pisa, Siena

I posti a bando sono 10.173 posti per Medicina e chirurgia, contro i 9.501 dello scorso anno, e 931 posti per Odontoiatria, contro gli 860 dello scorso anno. Calano invece a 878 quelli a Veterinaria, 40 in meno rispetto allo scorso anno.
Quanto alle date delle prove, il 4 settembre si svolgeranno quelle per Medicina e Odontoiatria in lingua italiana; il 5 settembre quelle per Medicina in lingua inglese; il 10 quelle per Medicina veterinaria; l’11 quelle per le professioni sanitarie.

da Sole24Ore GuiaSanità

Meno “lezioni” per gli studenti di medicina a Stanford

Professors propose ‘lecture-less’ medical school classes

BY TRACIE WHITE

Dramatic changes are needed in medical student education, including a substantial reduction in the number of traditional lectures, according to a perspective piece published May 3 in theNew England Journal of Medicine by two Stanford University professors.

Medical education has changed little in the past 100 years despite dramatic changes in the world of medicine, the explosion in biomedical information and the ever-growing complexity of the health-care system. The traditional lecture format persists even as class attendance is plummeting and as many complain that the current system is failing to produce compassionate, well-trained physicians.

“Students are being taught roughly the same way they were taught when the Wright brothers were tinkering at Kitty Hawk,” write co-authors Charles Prober, MD, senior associate dean for medical education at the Stanford School of Medicine, and Chip Heath, PhD, professor of organizational behavior at the Stanford Graduate School of Business. (Heath and his brother, Dan, also authored a bestselling book, Made to Stick: Why Some Ideas Survive and Others Die.) In contemplating medical education reform, Prober reached out to Heath because a critical goal of any educational effort is to optimize the retention of lessons — to increase their “stickiness.”

In their perspective, titled “Lecture halls without lectures,” Prober and Heath propose a new approach to teaching to make better use of the fixed amount of educational time available to train doctors.

“That’s the vision that we want to chase: education that wrings more value out of the unyielding asset of time,” the authors write. “Why would anyone waste precious class time on a lecture?”

Prober also has been working closely with Salman “Sal” Khan, the Silicon Valley-based online learning pioneer whose nonprofit effort, Khan Academy, is widely credited, in the words of Bill Gates, for having “turned the classroom — and the world of education — on its head.” Prober and Heath’s perspective piece proposes a Khan Academy-styled “flipped-classroom” model of teaching. Lecture content is packaged in 10- to 15-minute videos that are watched by the students at their own pace and as often as necessary to learn the material. Class time is then freed up for more interactive education, with greater emphasis on patients’ clinical stories as a way to increase the relevance of the necessary scientific and medical knowledge.

“Teachers would be able to actually teach, rather than merely make speeches,” the authors write.

The core biochemistry class at Stanford medical school was redesigned this year to follow this model. The instructors replaced the lecture-based format with short online videos made available to students. “Class time was used for interactive discussions of clinical vignettes that highlighted the biochemical bases of various diseases,” the article said. “Student reviews of the course improved substantially from the previous year, and class attendance increased from 30 to 80 percent, even though class attendance was optional.”

Prober said early experimentation with this model has been extremely positive.

“It’s my strong belief that this is an effective model for delivering factual material,” Prober said. “It could facilitate students’ education by allowing them to learn the core content in a user-friendly way. Students struggling with the information can watch the mini-videos over and over again. Low-stakes quizzes ensure the students have grasped the knowledge.”

Students then come together in the “flipped classroom” where they can use the facts they’ve learned in “engaged, active learning,” Prober explained. The in-class lessons would use alternatives to lectures to more successfully engage students, fuel their curiosity and increase information retention. “Patients’ stories are what makes the acquisition of medical knowledge compelling,” the authors write. “They serve as the scaffolding on which facts and concepts can be organized and reinforced. …Yet conversations with medical students about the first-year medical curriculum reveal that about half of lectures proceed without even the briefest patient example.

“A single case could serve as the lead-in to multiple medical school topics that otherwise might seem dry and routine,” the authors write. “It’s a method used often in pop culture to draw in viewers in such television shows as ‘House’ and ‘ER.’”

The authors imagine instead a new world of medical education, one where students are engaged and fueled by a curiosity that makes learning stick.

They write: “Imagine a first-year medical student who learns critical biochemistry pathways by watching short videos as many times as necessary in the comfort of his or her personal learning space. Knowledge acquisition is verified by repeated low-stakes quizzes. Then, in class, the student participates in a discussion that includes a child with a metabolic disease, his or her parents, the treating clinician, and the biochemistry professor. The relevant biochemistry — so dry on the page of a textbook — comes to life.

“The lesson sticks.”

RELATED NEWS
» 1:2:1 podcast: Prober on medical school without lectures
» 5 Questions: Prober on new approach to admission interviews
» On your mark, get set, interview!

http://med.stanford.edu/ism/2012/may/prober.html

Esiti II Conferenza Nazionale dei Giovani Medici (SIGM): dopo la protesta la proposta!

Il Sottosegretario alla Salute ha annunciato l’intenzione del Governo a procedere con la riforma del percorso formativo professionalizzante di medicina: introduzione laurea abilitante e riduzione durata corsi di specializzazione; Il SIGM esprime soddisfazione per lo stop al tentativo di tassazione IRPEF dei borsisti di ricerca e dei contratti di formazione medico specialistica; Richiede l’applicazione di un contratto di formazione per i giovani medici iscritti al corso specifico di medicina generale; Presentate le esperienze di Giovani Medici in formazione o operanti in altri Paesi UE e non; Il SIGM ha firmato un protocollo di Intesa col CUAMM (per sostenere programmi di mobilità di specializzandi in ambito di progetti di cooperazione internazionale) e con la FISOPA (per favorire la valorizzazione dei giovani medici nella Sanità Privata Accreditata)

Si sono conclusi i lavori della II Conferenza Nazionale dei Giovani Medici dal titolo ”GIOVANI MEDICI NELL’ITALIA E NELL’EUROPA DELLA CRISI: Credere nei network per realizzare il cambiamento da protagonisti!”, alla quale sono intervenuti i delegati delle 30 Sedi del Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM). Dopo il successo della protesta contro l’ipotesi di tassazione della formazione e della ricerca dei giovani medici, il SIGM ha quindi ripreso a pieno regime la propria attività propositiva.

Particolarmente riuscito il format dei lavori adottato, che ha visto gli autorevoli esperti invitati chiamati in causa a commento di contributi selezionati presentati in presenza ed a distanza da giovani medici italiani in formazione o operanti in Italia ed all’Estero.

Migliaia sono stati i contatti web registrati sul Portale del Giovane Medico (www.giovanemedico.it) per seguire la diretta streaming, predisposta dal SIGM in collaborazione con Uniroma TV.

Sono intervenuti i rappresentanti del MIUR e delle principali Istituzioni accademiche (Presidente CUN, Presidente Osservatorio Nazionale Formazione Medico Specialistica, Coordinatore Comitato Esperti MIUR scuole di specializzazione) e professionali (Vice Presidente FNOMCeO).

I lavori sono stati aperti dal Sottosegretario di Stato alla Salute, Prof. E.A. Cardinale, il quale ha confermato l’intenzione del Ministero della Salute a procedere con la riforma del percorso formativo professionalizzante di medicina, introducendo la laurea abilitante ed una riduzione della durata di alcuni corsi di specializzazione. Il Sottosegretario ha inoltre dichiarato di essere attento alle problematiche che investono i corsi di formazione specifica di medicina generale, recentemente sottoposte alla sua attenzione dal SIGM. Cardinale ha anche rilanciato la sua proposta di assegnare in affidamento a cooperative di giovani medici le strutture ospedaliere in dismissione al fine di continuare ad erogare prestazioni sanitarie anche nelle realtà più periferiche della Nazione.

Soddisfazione è stata espressa dal SIGM: <<Dopo le recenti posizioni espresse dal Ministro Profumo, anche dal versante del Ministero della Salute registriamo la volontà dichiarata al fine di procedere alla revisione del percorso formativo-professionalizzante di medicina, riducendone i tempi morti ed abbreviando i tempi per l’accesso all’esercizio della professione>>. Ma i Giovani Medici rivendicano maggiori attenzioni anche per i circa 2400 iscritti al corso specifico di medicina generale: <<Chiediamo l’applicazione di un contratto di formazione anche per i colleghi iscritti al corso specifico di medicina generale, i quali percepiscono una semplice borsa di studio e sono gravati dalla tassazione IRPEF>>.

Infine, in merito agli esiti della mobilitazione nazionale che ha portato all’abrogazione dell’emendamento che mirava ad introdurre la tassazione IRPEF delle borse di studio e di ricerca universitarie e dei contratti di formazione medica specialistica, il SIGM ha dichiarato per bocca del Presidente Nazionale che: <<La manifestazione di Roma del giorno 17 aprile, che ha visto l’adesione di più di 3000 giovani camici bianchi nonostante le rassicurazioni già fornite dalla politica, ha voluto rappresentare un’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto alle problematiche legate alla condizione dei giovani medici italiani; il nostro Segretariato ha voluto dare voce e rappresentanza a quanti vogliono offrire il loro contributo al rilancio della Sanità e della Professione Medica nel nostro Paese.>> <<Non siamo alla ricerca di rivendicazioni di carattere sindacalista, ma chiediamo di essere sostenuti da un contesto e da un’organizzazione che ci permetta di formarci meglio e di produrre di più in termini di ricerca ed assistenza. Dispiace il tentativo di alcuni sindacati di categoria che hanno cercato di “mettere il cappello” alla protesta genuina dei giovani camici bianchi>>.

Riforma del lavoro, ecco il piano Fornero (di Paolo Griseri)

IL CONTRATTO UNICO
Accesso con tutele a tappe, poi niente licenziamenti 
L’idea è quella di sostituire con un unico contratto gli attuali 48 censiti dall’Istat. E’ la frammentazione che penalizza soprattutto donne e giovani e che porta il salario medio lordo di un lavoratore italiano il 32% sotto la media dei Paesi dell’area euro. Nascerà per questo il Cui, contratto unico di ingresso. Avrà due fasi: una di ingresso, che potrà durare, a seconda dei tipi di lavoro, fino a tre anni. E una seconda fase di stabilità, in cui il lavoratore godrà di tutte le tutele che oggi sono riservate ai contratti a tempo indeterminato.

Durante la fase di ingresso, in caso di licenziamento con motivazioni che non siano di tipo disciplinare (“giusta causa”), il datore di lavoro non avrà l’obbligo di reintegrare il dipendente ma potrà risarcirlo in pagando una specie di penale pari alla paga di cinque giorni lavorativi per ogni mese lavorato. In caso di una fase di ingresso di tre anni, il licenziamento dovrà essere risarcito con sei mesi di mensilità.

Già oggi, durante il periodo di prova, non si applica la l’articolo 18 sui licenziamenti. La riforma prevede che il periodo di prova si possa allungare fino a tre anni e in cambio concede che il contratto di ingresso si trasformi automaticamente, al termine della prova, a tempo indeterminato. L’automatismo evita al lavoratore il succedersi di decine di minicontratti precari. Le imprese dopo tre anni possono licenziare il dipendente con un risarcimento senza essere costrette ad assumerlo.

TEMPO DETERMINATO
Per i contratti a termine salario sopra i 25mila euro 
Oggi sono una prassi diffusa nelle aziende che possono così assumere senza prendersi impegni particolari nei confronti dei dipendenti. La riforma li renderà invece una specie di lusso, un modo per remunerare professionisti e personale specializzato. Uno studio del Collegio Carlo Alberto di Torino, di cui Garibaldi è direttore, mette in evidenza che nel 2008 il 96% dei dipendenti italiani a tempo determinato guadagnava meno di 35 mila euro lordi all’anno. Una retribuzione per mansioni medio basse.

Con il provvedimento allo studio invece sarà impossibile assumere a tempo determinato dipendenti per i quali viene corrisposto un salario inferiore ai 25 mila euro lordi annui (o proporzionalmente inferiore se la prestazione dura meno di dodici mesi). Naturalmente faranno eccezione i lavori tipicamente stagionali (come quelli agricoli o alcuni nelle località turistiche).

Verrà messo un tetto anche ai contratti a progetto e di lavoro autonomo continuativo che rappresentino più di due terzi del reddito di un lavoratore con la stessa azienda. Se questi contratti avranno una paga annua lorda inferiore ai 30 mila euro, saranno trasformati automaticamente in Cui. La riforma dovrebbe anche prevedere l’introduzione di un salario minimo legale stabilito da un accordo tra le parti sociali. Se non si trovasse l’accordo, il salario minimo dovrà essere fissato dal Cnel.

tratto da Repubblica.it

“Come riformare le Specializzazioni”. Il Ministro Fazio a tutto campo da Cernobbio

20111108-013029.jpg

Revisione dei percorsi universitari.

In attesa del Workshop sulla riforma in programma a Roma il prossimo 9 Novembre (www.giovanemedico.it) il Ministro Fazio torna a parlare delle Scuole di Specializzazione. Snellimento ma anche revisione dei percorsi universitari. Per questo, ha annunciato Fazio, nel 2012 ci sarà un riassetto delle scuole di specializzazione medica sul quale si sta lavorando in collaborazione con il Miur. “Finora – ha detto – le scuole di specializzazione in medicina non sono state guidate dai bisogni reali, ma da altre logiche. Le Regioni ci hanno espresso le loro necessità per quanto riguarda le specializzazioni nei vari settori e sulla base di questi nuovi bisogni saranno assegnati i posti degli specializzandi. Nuove logiche di cui il Ssn si rende responsabile e garante”.
Il Ministero della Salute, di concerto con il Miur, sta inoltre lavorando ad una riduzione degli anni di specializzazione, in linea con quanto previsto dalla normativa comunitaria, ma anche ad una diversa regolamentazione delle aziende ospedaliero universitarie “il cui nodo cruciale è la tutela dei diritti di entrambe le figure”. “Il Miur – ha spiegato Fazio – ci ha inviato il suo articolato, per elaborare una nuova normativa che regoli i rapporti e le attività tra le aziende ospedaliere e le università. Questo in base all’applicazione della nuova riforma dell’università del ministro Gelmini”.
Altro obiettivo è la riforma degli Irccs “per chiarire quale sarà il percorso dei ricercatori”. “Siamo partiti con Genova e Milano perché lì ci sono più criticità, e poi estenderemo questo modello anche a tutti gli altri Irccs” ha aggiunto Fazio.

Ricerca e precariato. Da sciogliere c’è anche il nodo dei ricercatori italiani e il loro precariato, “figlio di promesse mancante fatte ai ricercatori, di ruoli che non c’erano”. “Oggi – ha detto il ministro – non abbiamo un’emorragia di intelligenze italiane, ma siamo in presenza di una normale mobilità nell’ambito della ricerca, che ha caratteristiche diverse da quelle di altri lavori, come i metalmeccanici, che non prevedono mobilità. Ma bisogna anche considerare che l’età media di un ricercatore è di 7 anni, è una professione che non si può fare per tutta la vita. Per questo servono delle regole chiare, in modo che i ragazzi sappiano cosa li aspetta e quale potrà essere il loro percorso professionale”. Ribadendo l’importanza di una risorsa come quella dei ricercatori, Fazio ha ricordato che sono in atto alcuni azioni per tenere collegati con l’Italia quelli che lavorano all’estero attraverso varie attività e progetti, anziché farli tornare: “Nel mio viaggio negli Usa di un paio di settimane fa – ha ricordato – mi sono accordato con il ministro della Salute americano per creare un network virtuale Italia-Usa per i ricercatori italiani che si trovano lì”.

Rapporti pubblico-privato. “Ripristino del finanziamento previsto nell’articolo 20 del fondo per l’edilizia sanitaria, revisione del project financing in sanità e defiscalizzazione”. C’è anche questo nel pacchetto di azioni presentate dal ministro a Cernobbio. “Mi auguro che il fondo per l’edilizia sanitaria venga ripristinato – ha spiegato – e di riavere norme per il project financing che non siano penalizzanti per il pubblico, come lo sono ora, e che non creino problemi alla programmazione regionale”. Problemi che, secondo Fazio, si possono risolvere con “incentivi alla defiscalizzazione”. E queste misure, ha annunciato il ministro saranno presentate nel maxiemendamento alla legge di stabilità. Ma il maxi emendameneto, ha aggiunto Fazio, deve arrivare in fondo, è per questo che “mi auguro che le decisioni politiche legate allo sviluppo del Paese prevalgano su scelte di tipo tecnicistico”.

Inappropriatezza e costi sono stati invece i temi toccati nel corso del VI Meridiano Sanità. “I cittadini sono più importanti dei soldi”, ha affermato Fazio, secondo il quale “è opportuno pensare alla reingegnerizzazione della salute per un percorso di assistenza completo”. Inoltre, “è compito della politica individuare ciò che non funzione e che può essere migliorato con poco”, ha detto il ministro osservando che “alcuni degli aspetti che soffrono i cittadini sono le code inutili, le liste di attesa per la diagnostica”.
Ma tra gli obiettivi prioritari c’è anche la redistribuzione delle rete ospedaliera, ma “non si può tagliare senza riorganizzare il territorio”. Un ruolo fondamentale, secondo Fazio, è inoltre rappresentato dall’associazionismo. “I Problemi della rete di emergenza-urgenza – ha poi osservato Fazio – non potranno essere risolte finché i medici di medicina generale non lavoreranno in équipe”.
Il ministro è intervenuto infine sui costi standard, un termine che, ha affermato, “ha generato equivoci e discussioni”. “Meglio sarebbe stato – secondo Fazio – parlare di appropriatezza da misurare con gli output di processo e con indicatori di soddisfazione e di esito. Queste però – ha concluso il ministro – non devono essere vissute come delle classifiche, ma come uno stimolo che costringe il manager a intervenire per migliorare”.

da QuotidianoSanità

Fazio: medici in pensione sostituiti con 9.500 nuove immatricolazioni

Per quanto riguarda la prossima ondata di medici che andranno in pensione non c’è da preoccuparsi, questi saranno sostituiti da un numero di immatricolati intorno alle 9.500 unità. Lo ha spiegato il ministro Fazio oggi nel corso del question time rispondendo ad un’interrogazione. Sempre nel corso della stessa seduta il ministro a chi gli domandava dell’obesità infantile ha riferito che questa “è un problema importante” in Italia in particolare in Campania dove c’è “una prevalenza del 49%”

20111003-101701.jpg

28 SET – “Nonostante un certo numero di medici in pensione, il fenomeno sarà in equilibrio grazie al numero degli immatricolati intorno ai 9.500 unità. L’Italia ha un numero di medici professionalmente attivi superiore alla media europea, cioè di 4.1 medici per mille abitanti in Italia contro una media europea di 3.4 e questo dovrebbe compensare ampiamente l’andata in pensione di alcuni medici”.
Così il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, rispondendo ad un’interrogazione dei deputati del Gruppo misto, Lo Monte, Commercio, Lombardo e Olivieri che gli chiedevano quali “iniziative il Ministro intenda adottare al fine di attenuare la carenza strutturale di personale medico e di migliorare il sistema di rilevamento (criteri ed analisi) del fabbisogno formativo delle facoltà di medicina e chirurgia, nonché dei corsi di laurea in area sanitaria”.

“Negli ultimi anni – ha aggiunto il Ministro – c’è sempre stato un ampliamento dell’offerta formativa che è passata dai 7.366 del 2007/2008 ai 9.527 del 2010/2011 con aumento significativo, in 3 anni, del 30%”.

I deputati del Pdl Baldelli e Palumbo hanno invece rivolto un’interrogazione a Fazio “Per sapere quali siano le iniziative intraprese dal Ministero della salute per definire i criteri appropriati per la prevenzione, la diagnosi e la cura di diabete e obesità, patologie croniche strettamente correlate tra loro”.

“L’obesità infantile è un problema importante nel nostro Paese in particolare in alcune Regioni dove abbiamo una prevalenza del 49% in Campania ed è quindi un problema di rilievo”. Questa la risposta del Ministro che ha poi ricordato i 4 cardini della prevenzione: “sana alimentazione, esercizio fisico, lotta all’alcol e il fumo che vanno a contrastare in gran parte l’obesità che è una delle cause di diabete”.



”Nel piano sanitario nazionale 2011-2013, che attualmente èin corso di definitiva approvazione, – ha detto ancora Fazio – sono specificatamente sottolineati tra gli obiettivi prioritari il miglioramento della capacità del servizio nazionale e regionale nell’erogare e monitorare i servizi attraverso la razionalizzazione dell’offerta e l’appropriatezza delle prestazioni ma anche il miglioramento della conoscenza sulla prevenzione e la cura”.

Inoltre – ha concluso il responsabile della Salute – c’è anche “’il nuovo progetto Igea (integrazione, gestione e assistenza per la malattia del diabete) con l’obiettivo d’incrementare i sistemi informativi per la gestione integrata del diabete, la promozione della competenza delle persone con diabete e la definizione d’indicatori per valutare i costi dell’assistenza dei pazienti diabetici”.

Novità dall’incontro con i vertici del Ministero della Salute

20110921-212530.jpg

Si appena concluso il previsto incontro tra la nostra delegazione ed i vertici del Ministero della Salute (scarica allegato) durante il quale si è lungamente e proficuamente discusso sul controverso emendamento AC 4274 al decreto Omnibus sulla Sanità, finalizzato ad inquadrare gli specializzandi degli ultimi due anni nei Sistemi Sanitari Regionali con contratto a tempo determinato, che in data odierna era stato ripresentato alla Camera.
Nel corso dell’incontro ci sono state illustrate delle modifiche al testo originario (clicca qui) apportate nella giornata odierna dopo mediazione da parte degli esponenti di maggioranza ed opposizione da noi sensibilizzati.

Il nuovo testo prevede la possibilità da parte dello specializzando di scegliere se proseguire la formazione nell’ultimo biennio con…

Continua a leggere su www.giovanemedico.it

Specializzandi sotto tiro: ok alla Riforma ma che alla base ci sia la formazione

Giovani Medici: inutile e pericoloso inserire gli specializzandi all’interno delle Aziende Sanitarie senza definire e programmare una Riforma immediata di più ampio respiro. Atto a favore dei conti delle Regioni ed a discapito della formazione. Grande il rischio di una contrattualizzazione a tempo degli specializzandi a scapito delle prospettive di assunzione dei giovani specialisti.

Desta preoccupazione la nuova formulazione di emendamento alla Legge Delega “per il riassetto della normativa sulla sperimentazione clinica e per la riforma degli ordini delle professioni sanitarie, nonchè disposizioni in materia sanitaria” che ha l’intento di riproporre l’inquadramento degli specializzandi dell’ultimo biennio all’interno delle piante organiche delle Aziende Sanitarie dei vari SSR.

Per le predette considerazioni, chiediamo che l’emendamento in questione venga ritirato e che i Ministeri competenti convochino ad un tavolo di confronto ufficiale tutti i portatori di interesse in tema di formazione dei medici, al fine di affrontare in maniera organica e partecipativa l’ipotesi di un generale riordino del percorso formativo, a partire dal corso di laurea in medicina che attualmente non è nelle condizioni organizzative e strutturali per garantire un’adeguata professionalizzazione del medico…

Leggi e approfondisci su www.giovanemedico.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: